skip to Main Content

Previsione per il Tigray: migrazioni, morti e carestie senza precedenti

Quella che segue è la trascrizione dell’ intervista al capo dell’ Ufficio dell’agricoltura e dello sviluppo rurale nell’amministrazione ad interim del Tigray, il dottor Abadi Girmay.

L’ intervista è stata prodotta da Fana, una TV governativa.

L’intervista mostra la triste realtà del Tigray attraverso la lente dell’agricoltura.

 

PREMESSA: Per poter percepire a pieno il messaggio e le parole del dottor Abadi Girmay, bisogna cercare di contestualizzarle, quindi ricordo che i soldati del’ ENDF, gli alleati Amhara e le truppe eritree hanno utilizzato la distruzione di campi, dei raccolti e l’uccisione o il saccheggio del bestiame come arma di guerra per indebolire il TPLF, il loro “nemico”.

Inizialmente per il governo etiope del Premier Abiy Ahmed il nemico da sconfiggere e da destituire era il TPLF, invece oggi come dichiarato dallo stesso PM a fine marzo:

“La giunta che avevamo eliminato in tre settimane (nel novembre 2020 n.d.r.) si è ora trasformata in una forza di guerriglia, si è mescolata agli agricoltori e ha iniziato a spostarsi da un posto all’altro.

Ora, non siamo in grado di eliminarlo entro tre mesi”, ha aggiunto.

“Eliminare un nemico visibile ed eliminare un nemico che si nasconde e opera assimilandosi agli altri non è la stessa cosa. È molto difficile e faticoso.”

 

NOTA: La trascrizione in lingua inglese è stata realizzata da TGHAT, la riporto per praticità in italiano per il lettori di Focus On Africa.

 

[00:00] Come si può ricordare dall’anno scorso, ci sono state invasioni di locuste in molte aree del Tigray che hanno lasciato gli agricoltori devastati. Subito dopo è scoppiata la guerra. A peggiorare le cose, il momento della guerra si è sovrapposto al tempo del raccolto. È noto che oltre il 25% della produzione totale di Tigray è stata distrutta dagli sciami di locuste. Inoltre, ciò che era rimasto dalle invasioni di locuste era ancora sparso su tutti i terreni coltivati senza una raccolta adeguata. Ciò che era rimasto sui campi coltivati è stato bruciato e rovinato per cause diverse. Alcuni dei campi coltivati sono stati stanziati o devastati (premessa iniziale n.d.r.). Inoltre, a causa della guerra, molte persone sono state sfollate dalle loro case e dalle loro terre. Non potevano portare con sé le loro cose, il bestiame e i prodotti.

[1:00] Pertanto, quello che stiamo dicendo è che i contadini non hanno cereali per la prossima stagione. Nemmeno per scopi di coltivazione, figuriamoci per il consumo quotidiano. La maggior parte della popolazione è sfollata dalle proprie terre e dalle proprie case, le famiglie sono separate e sono disperse in luoghi diversi e nei campi allestiti dalle agenzie umanitarie. Sono stati registrati molti omicidi. Hanno sequestrato tutti i cereali prodotti daicontadini. Il bestiame, principalmente buoi, è stato macellato e alcuni sono stati saccheggiati. In alcuni luoghi, i ladri usavano persino camioncini e camion per rubare il bestiame dei contadini (ci sono molte testimonianze e foto che inquadrano personale in divisa militare commettere tali azioni – sarà da stabilirne la responsabilità nelle debite sedi n.d.r.). Quando guardiamo a questo in generale e oltre alle invasioni di locuste, la guerra ha completamente devastato la regione e anche la carestia incombe (c’è un report di WPF – World Peace Foundation che ne parla in maniera dettagliata n.d.r.).

[2:00] Allora cosa dovremmo fare? Possiamo essere tranquilli per il momento (con le risorse avanzate e per i pochi aiuti alimentari ed umanitari che riceve oggi il Tigray n.d.r.), ma a lungo termine questa non è la via d’uscita e non durerà a lungo. Se si prevede che la vita come al solito continui, se la vita dei Tigrini dovesse continuare, dobbiamo almeno recuperare ciò che abbiamo perso l’anno scorso a causa delle locuste, dobbiamo ricominciare l’agricoltura e le attività agricole e dobbiamo raccogliere ciò che possiamo . Ma è da considerare principalmente che i contadini non sono nelle loro terre agricole, il loro bestiame è stato saccheggiato e non hanno grano. E se un contadino non ha grano e bestiame e non può usare la sua terra per arare e coltivare, le attività agricole sono molto difficili da ripristinare. Il settore agricolo è il più colpito a causa di questa guerra e gli agricoltori sono tra i segmenti della società più devastati.

[3:00] Se non siamo in grado di piantare e fare i raccolti in questa stagione per qualsiasi motivo, saremo in grossi guai per i prossimi tre o cinque anni. E se questo è combinato con la carestia, assisteremo a una crisi umanitaria senza precedenti, peggiore che mai vista in questa nazione. Pertanto, qualsiasi Tigrino, altre persone dell’Etiopia e altre parti interessate che possono aiutarci devono coordinare gli sforzi e fare tutto il possibile per poter iniziare a piantare in questa stagione. Altrimenti, vedremo migrazioni, morti, carestie e altre cose terribili anche molto peggiori di quelle a cui stiamo assistendo ora durante la guerra. Questo non sarà nemmeno per un anno, può potenzialmente protrarsi a quattro o più anni.

[4:00] Ci troviamo in una situazione molto difficile e il tempo non è a nostro favore. Di conseguenza, in questo mese dobbiamo fare tutto il possibile per iniziare ad arare e piantare. Se non siamo in grado di farlo, se gli agricoltori non vengono aiutati a tornare alla loro azienda agricola, se gli input agricoli non vengono resi disponibili, perderemo questa piccola finestra di tempo che abbiamo. Ci sono scuse fornite, anche da alcuni di quegli stakeholder che vorrebbero aiutarci “Ma non c’è pace, cosa possiamo fare?”. Come puoi pensarlo? In tutte le guerre nel mondo l’agricoltura non si ferma, le scuole non si fermano e gli studenti continuano a studiare anche all’aperto perché la vita deve andare avanti, perché la società non deve cessare di esistere. Dobbiamo cercare alternative.

[5:00] Di conseguenza, come parte dell’ufficio agricoltura cosa abbiamo cercato di ottenere? Abbiamo cinque attività principali. Il primo sono i fertilizzanti, è essenziale. Secondo, abbiamo bisogno di semi. Il terzo è il bestiame. Non abbiamo nemmeno mangimi per il bestiame, né cliniche veterinarie o prodotti farmaceutici. È tutto distrutto! Soprattutto la risorsa più grande di un contadino sono i buoi a rischio. Inoltre, non abbiamo nemmeno più uffici. Tutta la struttura dal livello regionale al livello Tabya non esiste più. Nelle Woredas (distretti n.d.r) non c’è niente, nemmeno cucitrici o carta da stampa. Tutti gli uffici, tutti i negozi, tutte le auto vengono saccheggiate. Ogni proprietà a cui si può pensare è stata saccheggiata e / o distrutta.

[6:00] Quando l’abbiamo pianificato, per ripristinare la struttura esistente della regione, sono necessari almeno 200 milioni di birr (poco meno di 4 Mln di Euro n.d.r.) e altri 120 miliardi di birr (Poco meno di 2,4 miliardi di Euro) per riportare l’agricoltura a livelli normali. Questo non è realizzabile a questo punto, è come un sogno, forse nei prossimi 5-10 anni con l’aiuto dei nostri partner umanitari e realizzando vari progetti possiamo arrivarci. Ma non possiamo aspettare pigramente. Ci siamo avvalsi di tutto quello che avevamo a disposizione e con 800mila quintali di aiuti dell’Amministrazione provvisoria regionale, abbiamo fatto acquisti e siamo in fase di trasporto. Quindi speriamo di riuscire a distribuire i fertilizzanti in tempo. Il secondo grande problema è, come vi ho detto prima, il grano, i nostri agricoltori non hanno nemmeno il grano per nutrirsi tanto meno da usare come semi per l’agricoltura.

[7:00] Vorrei che tu potessi andare nel Tigray e vederlo in prima persona. Sarei felice se potessi venire a trovarmi. La domanda è cosa facciamo allora? Dobbiamo salvare la nostra gente. Allora cosa facciamo per la mancanza di grano? Non esiste un budget del governo federale, cosa facciamo? Un grande sforzo che abbiamo fatto nell’ultimo mese e mezzo è la ricerca di fondi per i semi. Fortunatamente, c’era un fondo di 150 milioni di birr (poco meno di 3 Mln di Euro n.d.r.) dello scorso anno riservato alla riabilitazione da attacchi di sciami di locuste che abbiamo reindirizzato al fondo di semina e acquistato circa 40mila quintali. Abbiamo anche contattato organizzazioni internazionali come la Banca Mondiale, l’Unione Europea, la FAO e altre ONG interne.

[8:00] La cosa buona è che hanno il desiderio di aiutare. Abbiamo bisogno sia del desiderio che dell’aiuto concreto. Ma il problema è che gli aiuti coprono solo l’1% della domanda della nostra gente. L’agricoltura, tuttavia, deve iniziare presto per salvare la vita e l’anima delle persone. Gli agricoltori devono anche tornare alla loro coltivazione con la speranza per quest’anno e per gli anni a venire. Dobbiamo iniziare l’agricoltura in questa stagione utilizzando tutte le nostre risorse. Attualmente abbiamo raccolto fondi sufficienti per 120mila quintali da varie organizzazioni. Ma il Tigray ha bisogno di 600mila quintali che richiedono circa 24 miliardi di birr.

[9:00] Le persone più colpite devono essere aiutate e stiamo facendo tutto il possibile spostando i fondi da altri progetti a sementi, fertilizzanti e altri input. Speriamo di arrivare a 120.000 Quintal e salvare i nostri agricoltori. È molto difficile ricompensare la perdita di un bue. Costa da 25.000 (poco meno di 500 Euro) a 30.000 birr (poco meno di 600 Euro), non abbiamo soldi e non puoi trovare buoi da comprare nel Tigray in questo momento (uccisi o rubati dalle forze militari n.d.r.). Quindi cosa possiamo fare? Dobbiamo trovare altre alternative per sostituire un bue. Abbiamo richiesto fino a 350 milioni di birr ma non abbiamo ancora ricevuto risposta. Quindi quali opzioni abbiamo?

[10:00] Per quanto possibile, stiamo cercando di trovare il modo di arare usando i trattori in alcune parti del Tigray adatte ai trattori. Dobbiamo farlo e iniziare a piantare il prima possibile. Di conseguenza, intorno a Qola raya fino a 6000 ettari, intorno a Adigudem 1000 ettari, gli hawzen più danneggiati circa 1000 ettari, Axum intorno a 3000 ettari e intorno a Shires e dintorni circa 4000 ettari. Quindi, in totale, se possiamo arare circa 15.000 ettari per due volte avremo bisogno di 120 milioni di birr per questo. Se facciamo del nostro meglio e il governo si assume la responsabilità, e tutte queste aree saranno arate, possiamo almeno avere un po’ di raccolto e semi per il prossimo anno. Preparare il terreno è quindi molto impegnativo.

[11:00] Allora cosa possiamo fare? Come Tegaru, come Tigrignio che ama il nostro paese, questa non è politica. L’agricoltura deve iniziare. Quindi tutti devono aiutare l’agricoltore del Tigray, sia monetariamente che usando le proprie conoscenze, in tutto ciò che si può! Tutti gli uomini d’affari del Tigray, in patria o all’estero, devono sostenere l’agricoltore del Tigray. Sia in termini di denaro o condivisione di trattori. Se riusciamo a procurarci dei fondi, possiamo anche provare ad affittare i trattori e ad arare la terra. Altrimenti, sarà molto pericoloso. Questi sono i passi che abbiamo fatto finora. L’altro problema più grande è che, come ti ho detto prima, non abbiamo più la struttura fino al livello di Tabiya. Non abbiamo nessuna proprietà. Per ripristinarle serviranno circa 200 milioni di birr e non abbiamo quei soldi.

[12:00] Quindi tutti i nostri dipendenti dicono che “questo è il nostro paese e questo è il nostro popolo. Cammineremo sui nostri piedi per lavorare anche se non abbiamo macchine “. Mostrano impegno. Ma per fare questo abbiamo problemi di sicurezza (i soldati eritrei, Amhara e l’ ENDF sono ancora presenti nel territorio del Tigray n.d.r.). Anche i contadini hanno bisogno di tornare alle loro fattorie, hanno bisogno di sentirsi gli stessi di prima per lavorare sulla loro terra. Altrimenti sarà difficile e il governo dovrà provvedere a farlo a suo carico. Il nostro settore si sta preparando a fare tutto il possibile con i nostri stakeholder. L’altro problema più grande è il lavoro di riqualificazione a cui abbiamo lavorato per 40 anni e che abbiamo persino ricevuto un riconoscimento globale perché è ridotto a zero. Tutte le aree riqualificate sono state distrutte, alberi tagliati, bruciati e utilizzati per produrre carbone.

[13:00] Non possiamo salvarle. Siamo passati dal riconoscimento globale ad ora sotto lo zero. Potrebbero volerci altri 50 anni per tornare dove eravamo. Non siamo stati nemmeno in grado di pagare i guardiani, che è il minimo che potessimo fare, e la maggior parte dei centri di semina sono stati distrutti e i loro dipendenti non pagati negli ultimi 5 mesi. Almeno, per salvare ciò che è rimasto, dobbiamo comunicare con gli anziani della comunità e altri soggetti interessati.

Back To Top