vai al contenuto principale

Nigeria, nascono i Centri Risorse Migranti finanziati dalla Germania ma anche l’Italia è pronta con nuovi fondi dell’AICS

In Nigeria il governo federale qualche giorno fa ha commissionato un centro risorse costruito per i nigeriani che desiderano rientrare dall’Europa e che abbiano l’obiettivo di iniziare “una nuova vita”. Il centro, che è il quarto della serie istituita dal Ministero del Lavoro e dell’Occupazione e denominato Centro Risorse Migranti (MRC) si trova a a New Karu, nell’area di governo locale di locale di Karu dello Stato di Nasarawa.
Il Ministro di Stato per il Lavoro e dell’Occupazione, Nkeiruka Onyejeocha, ha spiegato che il centro è stato istituito con il supporto tecnico e finanziario di Cooperazione allo Sviluppo tedesco (GIZ).

Lo Stato federale di Nasarawa in rosso.

Il Ministro Onyejeocha, che ha commissionato il progetto insieme al Ministro tedesco Ministro tedesco per la Cooperazione e Sviluppo (BMZ), Svenja Schulze, ha aggiunto che il progetto è stato promosso nell’ambito del Centro per la migrazione e Sviluppo ZME con un partenariato tra Nigeria e Germania e vuole promuovere lo scambio di manodopera attraverso accordi bilaterali sulla migrazione del lavoro (BLMA) per incoraggiare ulteriormente i percorsi regolari di migrazione e di lavoro regolare a vantaggio dei due Paesi.

Gli ulteriori Centri Risorse Migranti in apertura nel Paese sono situati nel Sud-Est (Enugu), nel Nord-Ovest (Kano), nel Sud-Ovest (Ibadan), nel Centro-Nord (Benue) e nel Nord-Est (Bauchi).

La Deutsche Gesellschaft für Internationale Zusammenarbeit (GIZ) GmbH o GIZ è un’agenzia di sviluppo tedesca con sede a Bonn e Eschborn in Germania. In qualità di fornitore di servizi per lo sviluppo sostenibile, il lavoro e l’ istruzione internazionale, questa Agenzia tedesca sta attuando nuovi progetti in Africa e in Nigeria per incoraggiare i percorsi regolari di migrazioni e lavoro in Europa. Anche l’Italia attraverso l’AICS l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo sta presentando un bando (sarà presentato oggi 8 febbraio 2024 a Firenze), con un budget complessivo di 180 Milioni di Euro, per far crescere la formazione professionale in quei Paesi del Sud del mondo che hanno maggiori carenze. E dal 2024 anche la Nigeria è stata ammessa per poter beneficiare a questi fondi.

 

Approfondimento sul GIZ
GIZ ha oltre 50 anni di esperienza in un’ampia varietà di settori, tra cui sviluppo economico e occupazione, energia e ambiente, pace e sicurezza. Le diverse competenze dell’impresa federale sono richieste in tutto il mondo, con il governo tedesco, le istituzioni dell’Unione Europea, le Nazioni Unite, il settore privato e i governi di altri paesi che beneficiano di tutti i servizi. La Nigeria è compresa. Il GIZ lavora con le imprese, gli attori della società civile e gli istituti di ricerca, favorendo un’interazione di successo tra la politica di sviluppo e altri settori politici e aree di attività. Il Ministero Federale Tedesco per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (BMZ) è il principale committente.

Il GIZ sostiene la Commissione ECOWAS nei settori dello sviluppo organizzativo, del commercio e delle dogane, della pace e della sicurezza, nonché della preparazione alle malattie pandemiche e delle attività incentrate sulla gestione delle frontiere e sulla cooperazione transfrontaliera.

Torna su