vai al contenuto principale

Nigeria, farmaci alle stelle. Il Paese rischia la paralisi del sistema sanitario

In Nigeria il costo dei farmaci sta diventando insostenibile grazie anche alla svalutazione eccessiva della moneta locale, il Naira. I gruppi vulnerabili sono i più colpiti. Bambini, donne incinte, anziani e quelli con condizioni di salute preesistenti e quelli che necessitano di farmaci regolari sono ad altissimo rischio.

Gli esperti affermano che le conseguenze di questo sviluppo potrebbero essere devastanti e potrebbero portare a complicazioni indesiderate come diagnosi ritardate e persino morti evitabili.
La maggior parte dei piani di assicurazione sanitaria in Nigeria non copre le malattie e i disturbi cronici in modo completo. Quindi nella maggior parte dei casi, il paziente deve pagare di tasca propria.
Le preoccupazioni per l’accessibilità economica delle cure e dei farmaci sono causa di ritardi nel trattamento così come la frequenza delle dosi assunte che una volta ridotta peggiora i risultati di milioni di malati.
Gli osservatori della salute attribuiscono tutto ciò a una combinazione di fattori, tra cui il deprezzamento del Naira, le interruzioni della catena di approvvigionamenti e l’aumento dei costi di produzione dei farmaci.
Oltre ai prezzi elevati dei farmaci, avvertono che, se non controllata, la crisi potrebbe indebolire il già sovraccaricato sistema sanitario e peggiorare le disuguaglianze sanitarie esistenti.
In una conversazione, il presidente del National Post Graduate di medicina, Akin Osibogun, ha affermato che la scarsità di farmaci genuini hanno effetti significativi. Tra questi, lo scarso controllo delle malattie a causa della non disponibilità di farmaci essenziali, come il diabete, l’ipertensione, il cancro.

Anche il Direttore medico dell’Università di Lagos LASUTH, prof. Adetokunbo Fabamwo, ha dichiarato che il costo elevato dei farmaci è indesiderabile per il benessere del nigeriano medio. I cittadini nigeriani sono già impoveriti e non possono nemmeno permettersi di comprare il cibo se sono malati e hanno bisogno di farmaci; nel prossimo futuro avremo un aumento della morbilità e mortalità. Quindi le persone non saranno in grado di rispettare le proprie prescrizioni, si ammaleranno di più e alcuni di loro potrebbero addirittura morire. E le persone con problemi di salute mentale non sono risparmiate.

Secondo uno psichiatra consulente presso l’Ospedale federale di neuropsichiatria di Yaba, il dottor Stephen Oluwaniyi, la gestione di coloro che hanno già problemi di salute mentale con disturbi cronici, nel senso che hanno bisogno di continuare con il trattamento di mantenimento di farmaci, sono a rischio e alcuni di questi disturbi, una volta che i farmaci non sono più disponibili, porteranno l’individuo ad essere ulteriormente incapace con conseguenze inimmaginabili per tutti.  Alcuni di questi individui con problemi di salute mentale non lavorano nemmeno. Quindi, per queste persone inabili, dovrebbe esserci un modo per provvedere a loro, probabilmente rendendo alcuni di questi farmaci più accessibili. Se possibile, gratis.

Alcune associazioni italiane sono già disponibili all’invio di medicinali gratuiti agli ospedali in Nigeria. L’associazione Mater Africa in Italia invia medicinali per la chemioterapia agli ospedali in Nigeria già da diversi anni.

Medici nigeriani prendono in consegna un carico di medicinali inviati con DHL alla sede di Mater Africa di Benin City.

Sarebbe possibile aumentare la frequenza degli invii con medicinali generici e i costi del trasporto non sono bassi. Chiunque fosse interessato a collaborare può collegarsi al sito www.materafrica.it e inviare una email a info@materafrica.it per avere informazioni dettagliate su come effettuare una donazione mirata a sostenere l’invio di medicinali in Nigeria.

(in copertina foto ©A.Cicala, madre con bambina durante l’ingresso in un ospedale locale di Benin City)

Torna su