vai al contenuto principale

Centinaia di morti in Africa a causa della droga chiamata “Kush”

La droga che sta causando centinaia di morti in Africa Viene chiamata “kush” e si sta diffondendo in Guinea e Liberia, e anche in Sierra Leone ancora non si sa con esattezza cosa contenga.

Kush è costituito da uno spinello fatto di piante arricchite con sostanze chimiche sintetiche che imitano i cannabinoidi naturali della marijuana

Ha un forte effetto sedativo, e causa dipendenza e piaghe alle gambe: decine di persone muoiono ogni settimana a causa del suo consumo.

La sostanza viene solitamente chiamata kush, nome con cui sono noti vari tipi di cannabinoidi sintetici (oltreché una varietà naturale di cannabis): sono molecole create artificialmente per imitare gli effetti della cannabis.

Le loro vite sono impantanate nella povertà e nella disperazione.

E poi, poco tempo dopo, rifare tutto da capo.

“Lo fumiamo tutto il giorno”, ha detto.

“Ci spendo un sacco di soldi ogni giorno, circa 200 leoni”, ovvero circa 10 dollari: una piccola fortuna in un paese con un reddito medio pro capite inferiore a 500 dollari all’anno.

“Kush” offre loro sollievo, ma il nirvana è fugace e comporta un prezzo atroce.

Non tutti i sintomi presentati dalle persone ricoverate a causa dell’abuso di kush sembrano però riconducibili a cannabis sintetica, fentanyl, tramadolo e formalina

Dopo aver fumato due, tre (canne), mi sento bene, mi sento bene, la mia meditazione cambia, il mio umore diventa più fresco. Dopo aver fumato mangio molto,” ha detto.

Per pagare i suoi successi, ricorre al lavoro sessuale.

Portava cicatrici da attacchi di coltello e, ha ammesso, anche ferite psichiche.

“Ero una donna allegra con così tanti abiti alla moda”, ha detto. “… Guarda i capelli che ho in testa: non mi intreccio più i capelli (più).”

Koroma ha attraversato il quartiere povero di Crab Town, facendo visita ad un “nascondiglio” dove si trovavano forse un centinaio di consumatori di kush, che fumavano discretamente canne.

La causa principale della loro dipendenza era la povertà e l’abbandono, ha detto.

“Non vogliamo discriminarli o puntare il dito contro di loro, questa è stigmatizzazione.

La droga recentemente emersa sta facendo terribili progressi tra i giovani della Sierra Leone, una nazione dell’Africa occidentale classificata tra le più povere del mondo.

Sul bordo di una discarica nella capitale Freetown, Mohamed (nome inventato), un raccoglitore di rifiuti di 25 anni, fumava uno spinello corretto con kush.

Per circa un’ora, ha detto, avrebbe “meditato l’alta meditazione”, avrebbe dormito, si sarebbe svegliato e avrebbe mangiato.
I fattori che hanno favorito la diffusione del kush ci sono il suo basso costo, la potenza dei suoi effetti, nonché la facilità con cui si può trovare chi la venda, soprattutto a Freetown.

Torna su