skip to Main Content

Migranti e guerra, il nuovo forte appello denuncia di Papa Francesco

“C’è una migrazione in questo momento, qui in Europa soprattutto, che ci fa soffrire tanto e ci muove ad aprire il cuore. La migrazione degli ucraini che fuggono dalla guerra, non dimentichiamoci della martoriata Ucraina. Si fermi il pericolo di una escalation nucleare, devastante, senza ritorno”.
L’appello su migranti e guerra arriva da Papa Francesco dall’Angelus di oggi con cui rievoca l’apertura del Concilio Vaticano II, sessanta anni fa, e sottolinea: “non possiamo dimenticare il pericolo di guerra nucleare che proprio allora minacciava il mondo. Perché non imparare dalla storia? Anche in quel momento c’erano conflitti e grandi tensioni, ma si scelse la via pacifica. Sta scritto nella Bibbia: ‘Così dice il Signore: Fermatevi nelle strade e guardate, informatevi dei sentieri del passato, dove sta la strada buona percorretela, così troverete pace per la vostra vita’”. Il pensiero del Pontefice torna dunque, anche oggi, all’Ucraina: “Oggi c’è una migrazione che ci fa soffrire tanto e ci fa aprire il cuore: la migrazione degli ucraini che fuggono dalla guerra. Non dimentichiamo oggi la martoriata Ucraina”. La minaccia nucleare era stata rievocata dal Papa anche nell’Angelus di domenica scorsa quando, nell’appello ai negoziati lanciato sia a Vladimir Putin che a Volodymyr Zelensky, aveva parlato del “rischio di un’escalation nucleare, fino a fare temere conseguenze incontrollabili e catastrofiche a livello mondiale”. Sulla stessa linea d’onda il Segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, che parlando del rischio atomica nel suo intervento alle Nazioni Unite di fine settembre aveva definito la minaccia “ripugnante”. Oggi Papa Francesco ha proclamato due nuovi santi: Giovanni Battista Scalabrini e Artemide Zatti. Il primo è stato il fondatore degli scalabriniani, la congregazione che si occupa dei migranti; ieri erano gli italiani che a migliaia lasciavano la loro terra in cerca di fortuna e oggi sono coloro che, dalle zone più povere del pianeta arrivano anche in Italia. Zatti, salesiano, è stato invece lui stesso migrante, trasferitosi son la famiglia dall’Italia all’Argentina.
Il Pontefice, nell’omelia della messa a San Pietro, ha usato parole durissime: “E’ scandalosa l’esclusione dei migranti, anzi, l’esclusione dei migranti è criminale, li fa morire davanti a noi e così oggi abbiamo il Mediterraneo che è il cimitero più grande del mondo. L’esclusione dei migranti – ha detto ancora Papa Francesco – è schifosa, è peccaminosa, è criminale. Non aprire le porte a chi ha bisogno… ‘no, non li escludiamo, li mandiamo via’… ai lager, dove sono sfruttati e venduti come schiavi. Fratelli e sorelle oggi pensiamo ai nostri migranti, quelli che muoiono. E quelli che sono capaci di entrare, li riceviamo come fratelli o li sfruttiamo? Lascio la domanda soltanto”.

Back To Top