vai al contenuto principale

Zimbabwe, l’ex parlamentare Job Sikhala continua a rimanere in carcere

Il 28 novembre l’Alta corte dello Zimbabwe ha annullato la condanna per ostacolo alla giustizia emessa in primo grado nei confronti di Job Sikhala, parlamentare (o meglio, ex parlamentare dato che con l’arresto è stato fatto decadere) della Coalizione dei cittadini per il cambiamento, all’opposizione. Sikhala resta tuttavia in carcere (lo è ormai da un anno e mezzo) per altre accuse infondate: incitamento a compiere atti violenti e “condotta disordinata”.
L’arresto risale al 14 giugno 2022, all’indomani dei funerali dell’attivista politica Moreblessing Ali, ritrovata morta col corpo mutilato tre giorni prima dopo una sparizione durata una ventina di giorni.

Sikhala è detenuto nel carcere di massima sicurezza di Chikurubi, nella capitale Harare

Torna su