skip to Main Content

Vaccino Covid-19, migranti e rifugiati, giustizia sociale e diritti umani in tempi di pandemia

Diritti umani? Solidarietà pelosa e fratellanza predicata. Un rosario di parole che non arriva al cuore e Dio lo sa neanche a quei colletti bianchi che fanno e disfano protocolli di solidarietà e progetti di fratellanza. Fascicoli di buone intenzioni come carta stracciaimpolverata. La vita dei diseredati, dei clochard, dei sans papiers, degli umili stranieri, extracomunitari, con e senza permesso di soggiorno, alcuni prepotenti ma i più con mano tesa e grata, è appesa ad un vaccino lontano. Lontano quanto tanti altri diritti umani. Lontano quanto la libertà. Necessario quanto un caldo cartone per scaldare le notti e un bicchierino di te bollente allamenta per sedare fame, sete e mal d’Africa. Quanti invisibili non sanno del virus…ignorano cosa sia, cosa faccia e quanto male fa piú d’ogni altro male. Sbarcati dopo traversate turbolenti e traversie umilianti cercano mani, cibo, pace e libertà. Per tetto solo il cielo e per letto il greto del fiume, un legno in spiaggia, il sagrato di una chiesa, il porticato, una carrozza di seconda classe lasciata sulbinario morto, le scale della metropolitana, una panchina della stazione, i piedi della statua, i gradini del comune, baracche di lamiere e camere in fitto senza materassi con dieci stuoie a terra dove in dieci ed anche in dodici a dormire. La vita va così. Per uomini, donne e bambini invisibili. Avanti nell’attesa del nuovo giorno. Con la mascherina ceduta da chissà chi, lorda e bisunta, lisa,messa e rimessa tante volte. Non hanno di che comprare e come campare senza perdere la dignità. A stento sopravvivono. Son capaci di digiunare giorni e sorsate d’acqua per pasto ogni volta che si può alle fontane su strada. Gli ultimi del mondo che vivono qui sonospeciali. Hanno cuore gonfio di dolore e gioia di vivere. Hanno il sale sulla pelle e il mare che li agita pur da fermi. Per titolo di viaggio un turbinio di vissuto inenarrabile. Soli. Migranti e rifugiati.Invisibili. In nessun elenco speciale per il vaccino COVID19. Giustizia sociale e diritti umani, solidarietà e fratellanza, accoglienza e integrazione, solo parole e ipocrisia politica. I senza dimora senza dimora per la quarantena. Non perdiamoli di vista. Sono qui. Vaccinateli. Come tutti. Prima di me.

Back To Top