skip to Main Content

Etiopia, almeno 78 sacerdoti massacrati in Tigray

Almeno 78 sacerdoti sono stati “massacrati” in una zona del Tigray, secondo una lettera ufficiale della chiesa trapelata al Telegraph.

Il documento, ottenuto in esclusiva dal Telegraph, afferma che negli ultimi cinque mesi sono avvenute numerose uccisioni di massa.

La lettera, indirizzata al Sinodo della Chiesa ortodossa etiope, dice che “sacerdoti, diaconi, coristi e monaci” sono stati “massacrati” negli ultimi cinque mesi.

La lettera timbrata è stata inviata il 15 aprile ed elenca il numero di ecclesiastici uccisi negli ultimi cinque mesi nelle amministrazioni della chiesa.

Una mezza dozzina di sopravvissuti hanno confermato la notizia al Telegraph ed hanno detto che sia i soldati dell’ ENDF, l’esercito nazionale etiope sia le truppe eritree sono entrati nei loro spazi sacri attraverso il Tigray sudorientale e “li hanno uccisi”.

L’Etiopia è devastata da un’orribile guerra civile in corso da quando il Premio Nobel per la pace Abiy Ahmed ha inviato il suo esercito, le milizie ahmara le truppe eritree alleate nella regione del Tigray per destituire e bloccare il TPLF ed i suoi membri.

Il TPLF è stato accusato di essere sovversivo, lo stesso TPLF che ha governato l’ Etiopia per quasi trent’ anni come capo coalizione in cui erano presenti i partiti democratici oromo, amhara e delle Nazioni del Sud Etiopia.

Il conflitto ha scatenato una crisi umanitaria e né i sacerdoti né i luoghi religiosi non sono stati risparmiati.

Monasteri e moschee secolari, tra cui il monastero Debre Damo del VI secolo e Al-Nejashi, la prima moschea africana, sono stati saccheggiati e bombardati dalle truppe eritree alleate del governo etiope.

I sacerdoti sopravvissuti alle uccisioni hanno detto al Telegraph che il numero di ecclesiastici morti potrebbe essere molto più alto di 78.

Secondo i testimoni, Gergera Maryam, Adi’Zeban Karagiorgis, Kidanemihret Bosa, Taksa e il monastero di Da Abune Ayzgi sono alcune delle chiese in cui furono massacrati gli uomini di chiesa.

Kahsay* e il figlio diacono Halfom* fuggirono dalle loro case sulle vicine montagne di Seharti dopo aver ricevuto la notizia che le truppe eritree ed etiopi stavano facendo irruzione nelle chiese.

Due giorni dopo, Halfom tornò alla chiesa del loro villaggio per vedere se la situazione era migliorata. “Ho pregato mio figlio di non tornare indietro. Mi ha promesso che sarebbe tornato. Ma non è tornato. I soldati eritrei hanno ucciso mio figlio” dice Kahsay, un anziano. “Ho saputo una settimana dopo che gli abitanti del villaggio hanno raccolto il corpo di mio figlio. Non ho assistito alla sua sepoltura. Aveva solo 25 anni “.

Nella tradizione ortodossa etiope, molti sacerdoti e diaconi si riuniscono nei cimiteri per celebrare i giorni della celebrazione dei santi.

Tre testimoni hanno detto al Telegraph che i soldati etiopi ed eritrei hanno preso di mira specificamente questi giorni di celebrazione per giustiziare i membri della chiesa.

Nel pomeriggio del 9 gennaio eravamo in tanti nella chiesa di Adi’Zeban Karagiorgis. Eravamo lì per celebrare la nascita della Vergine Maria”, ha detto un testimone che ha chiesto di rimanere anonimo. “All’improvviso, otto soldati etiopi sono entrati nel cimitero. I soldati hanno scelto 12 giovani diaconi di età compresa tra i 15 ei 20 anni. Li hanno portati fuori e li hanno giustiziati “, dice.

Hadera*, un vecchio prete, è sopravvissuto a un massacro nella chiesa di Gergera Da Mariam. Dice che dall’inizio di dicembre 2020 ci sono stati vari omicidi e massacri.

Il 76enne racconta che il 1° febbraio mentre stava pregando, 12 soldati etiopi ed eritrei hanno fatto irruzione nella stanza sacra della chiesa.

Sono entrati nella stanza santa con le loro scarpe. Hanno gridato su di noi dicendo; «Siete nostri nemici perché avete consolato e predicato agli abitanti del villaggio che questo passerà. Non avreste dovuto farlo”, racconta Hadera.

C’erano sei preti nella stanza. Hanno sparato a tutti e hanno lasciato la chiesa. I miei amici sono morti. Il perché io sia ancora vivo non è altro che un miracolo.”

Il Telegraph si è rivolto al ministro dell’Informazione dell’Eritrea, Yemane Gebremeskel e alla portavoce dell’ufficio del Primo Ministro etiope Billene Seyoum per un commento. Nessuno dei due ha risposto fino alla pubblicazione di questa notizia.

Tale report arriva qualche giorno dopo la dichairazione video del patriarca della Chiesa Ortodossa etiope: Abune Mathias hadenunciato e condannato quello che definisce un “genocidio”commesso dal governo etiope contro la popolazione del Tigray.

Il 10 maggio 2021 il Segretario generale della Chiesa Ortodossa, Abune Yosef, lancia un messaggio in cui il Santo Sinodo prende le distanze dalle parole del Patriarca: ha affermato che qualsiasi annuncio ufficiale della Chiesa deve essere approvato dall’assemblea generale del Santo Sinodo, come prassi formale,prima di poterlo condividere ed essere pubblicizzato dai media o da altri meccanismi.

Back To Top