skip to Main Content
Ruanda, Un Altro Oppositore Politico Assassinato Mentre Continuano Le Sparizioni Forzate

Ruanda, un altro oppositore politico assassinato mentre continuano le sparizioni forzate

Syldio Dusabumuremyi, coordinatore nazionale delle Forze democratiche unite (Fdu) – Inkingi, un gruppo politico di opposizione del Ruanda non riconosciuto ufficialmente, è stato accoltellato a morte la sera del 23 settembre nel distretto di Muhanga.

Le prime indagini hanno portato a due arresti e questa è una notizia positiva, dato che questa solerzia investigativa non è stata mostrata nelle precedenti occasioni in  cui esponenti delle Fdu-Inkingi sono stati presi di mira.

Di Eugène Ndereyimana, scomparso il 15 luglio, si sono perse le tracce. Degli assassini di Anselme Mutuyimana, assistente della presidente delle Fdu-Inkingi Victorie Ingabire ritrovato morto il 9 marzo nella foresta di Gishwati, non si hanno notizie.

Andando a ritroso, il vicepresidente Boniface Twagirimana è “evaso” (le virgolette sono d’obbligo) il 7 ottobre 2018 dalla prigione di Mpanga e da allora risulta scomparso.

Jean Damascene Habarugira, esponente locale delle Fdu-Inkingi del distretto di Ngoma, è stato ritrovato morto nel maggio 2017.

Nel marzo 2016 è sparita Illuminée Iragena, esponente di primo piano delle Fdu-Inkingi mentre la presidente Victoire Ingabire era in carcere. Si teme sia stata arrestata, torturata e uccisa in carcere ma nessuno ha ancora fornito notizie sulla sua sorte.

Per molti versi il Ruanda – risorto dal genocidio del 1994  – è la “storia di successo” africana: per come tratta gli oppositori e indaga sulle violazioni dei diritti umani che hanno subito, decisamente no.

Back To Top