skip to Main Content
Centrafrica, Scontri Tribali A Bangassou: Decine Di Morti E Centinaia Di Feriti

Centrafrica, scontri tribali a Bangassou: decine di morti e centinaia di feriti

Decine di morti e centinaia di feriti negli scontri nella Repubblica Centro Africana, ormai quotidiani dopo le elezioni dello scorso 27 dicembre. Nella sola giornata di ieri, dopo che la coalizione dei gruppi armati aveva attaccato e preso il controllo di Bangassou, Medici Senza Frontiere ha curato d’urgenza 12 feriti ricoverati nell’ospedale regionale che la ong supporta dal 2014.

“Nella giornata di ieri, le équipe di MSF hanno trasferito e curato d’urgenza 12 feriti presso il Bangassou Regional University Hospital (HRUB), struttura sanitaria che supportiamo dal 2014. Nei giorni precedenti all’attacco, migliaia di persone sono fuggite dalla città e hanno attraversato il fiume Mbomou per cercare rifugio a Ndu, nella vicina RDC dove anche qui MSF supporta il centro di salute locale. I team di MSF sono in azione per dare maggiore sostegno al centro di salute con più personale, farmaci e stanno lavorando per rafforzare ulteriormente il supporto medico alla popolazione sfollata.

L’attacco a Bangassou non è un caso isolato nella RCA, colpita da una forte insicurezza a causa delle elezioni dello scorso 27 dicembre che si sono svolte in un clima di grande tensione. Il 28 dicembre sono rimaste uccise diverse persone durante un attacco ad un autobus a Grimari, vicino Bambari. Tra loro anche un operatore di MSF, non in servizio durante l’attacco.

Nonostante alcune attività siano state ridotte o sospese per la sicurezza dei pazienti e del nostro staff, la maggior parte dei servizi forniti da MSF nel paese resta attiva. Dal 21 dicembre, i nostri team hanno curato più di 110 feriti a Bossangoa, Bangui, Bangassou, Bambari e Batangafo.

In un paese in uno stato di emergenza medica cronica, il peggioramento delle condizioni di sicurezza rende ancor più difficile, per migliaia di persone, l’accesso già limitato alle cure mediche essenziali.

MSF esorta tutti gli attori coinvolti nel conflitto armato a non ostacolare il lavoro degli operatori sanitari per garantire cure mediche tempestive, a rispettare il dovere di proteggere i civili e gli operatori umanitari e a non colpire le strutture sanitarie, le ambulanze, il personale medico-sanitario e i pazienti”.

Back To Top