skip to Main Content

Tigray, l’uomo ha creato la carestia: l’ennesima storia catastrofica in divenire?

 

Il contenuto che segue è un resoconto di un nostro contatto di fiducia informato dei fatti e sulla situazione in Tigray e in Etiopia che per la sua sicurezza personale lo terremo anonimo, ma condividiamo le sue parole.

Questo documento arriva alla redazione di Focus On Africa mentre l’ipotesi di un’ultima offensiva (citata nel report) sotto forma di raid aereo contro il TPLF/TDF Tigray Defence Forces che si sta concentrando in Afar ed Amhara, è diventata reale. Delle dinamiche di strategia bellica ne scrive in un’analisi approfondita Fulvio Beltrami.

Da mesi ormai la regione del Tigray in Etiopia è sotto il blocco di tutte le forniture. Nessun carburante, nessuna banca, nessune telecomunicazioni, nessun aiuto umanitario o denaro è permesso nello stato del Tigray nel nord dell’Etiopia. Il blocco è opera di governi eritreo, etiope, forze speciali e milizie di Amhara e Afar. Pochi camion con supporto umanitario e un volo sono stati permessi rispetto ai molti altri che ne servirebbero quotidianamente, ma attraverso straordinarie e faticose tattiche di sdoganamento, controllo e dilazione da parte delle autorità etiopi. Da una parte il governo per scelte politiche propaganda con comunicati l’invio di supporto ed aiuti umanitari per mascherare però il blocco dei soccorsi e materiale che potrebbe essere utilizzato dal suo nemico, il TPLF. Questa privazione sistematica della popolazione del Tigray di tutte le necessità di base va avanti da mesi. In una regione con un numero enorme di sfollati interni, carenza di tutto, mancanza di denaro e trasporti, mancanza di medicine, preoccupazioni e traumi, ogni singolo giorno di ritardo degli aiuti crea intenzionalmente le condizioni per far morire di fame la popolazione civile da parte dei governi etiope ed eritreo. Il governo di Abiy vuole dare la colpa al TPLF per gli aiuti che non arrivano, mentre il governo del Tigray/TPLF rilascia dichiarazioni dopo dichiarazioni che invitano la comunità internazionale a fare pressione sul governo eritreo ed etiope per consentire gli aiuti al Tigray e salvare vite umane. Il Tigray chiede alla comunità internazionale di svolgere il proprio ruolo per proteggere i civili.

Tutto sommato, ora stanno arrivando rapporti che il numero di bambini che muoiono per mancanza di cibo, persone con malattie croniche, madri che allattano e incinte durante il parto muoiono per mancanza di cibo e tutto il resto. La casa di Tigray Media e la maggior parte dei media globali non etiopi sono ora inondati di rapporti sulla fame. Sembra che questa arma della fame da parte dei governi eritreo ed etiope non sia più un’ipotesi. Il governo del Tigray ha lanciato diversi appelli alla comunità internazionale per l’assistenza umanitaria alla popolazione del Tigray prima che si aggravi ancor di più la situazione di morti vergognose per fame. Gli alti funzionari delle Nazioni Unite vengono espulsi dal governo etiope e questo è stato discusso nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 6/10/2021, dove l’Etiopia ha accusato il personale espulso di schierarsi con le forze del Tigray in violazione del codice di condotta delle Nazioni Unite. A questa accusa, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, il signor Antonio Guterres, ha richiesto qualsiasi informazione ufficiale al governo etiope. Il signor Antonio ha affermato di aver chiesto ad Abiy Ahmed, il Primo Ministro dell’Etiopia, se ci fossero problemi da parte degli uffici o del personale delle Nazioni Unite, in due occasioni prima dell’espulsione dei sette funzionari delle Nazioni Unite. Non esiste un rapporto ufficiale da parte etiope alle Nazioni Unite su qualsiasi cattiva condotta.

Questo blocco intenzionale degli aiuti al Tigray da parte del governo etiope viene inteso come un carattere che indica disonestà e infedeltà ai principi umanitari delle Nazioni Unite da parte del governo etiope. Questo, secondo molti osservatori, significa far morire di fame e indebolire il Tigray nel suo insieme prima dell’ennesima invasione e offensiva su larga scala in collaborazione con l’Eritrea. Così, le persone del Tigray e alcuni altri osservatori leggono l’intenzionalità come fase preparatoria di un grande attacco. Tuttavia, il costo di questa politicizzazione degli aiuti umanitari sembra essere così enorme che potrebbe verificarsi un altro genocidio per fame, a meno che la comunità globale non si assuma la responsabilità. Ora, a causa dei precedenti problemi di invasioni di locuste nel Tigray, seguite da una guerra distruttiva che ha distrutto tutti i mezzi di sussistenza, le strutture sanitarie, le risorse personali e governative esaurite, le morti sono iniziate a causa della fame. Una volta che la società è così debole al punto che alcuni membri come i bambini e le donne iniziano a morire a causa della carestia, il numero delle morti cresce di numero. La comunità diventa collettivamente debole da non riuscire più ad aiutare i suoi membri.

Il punto di vista dei tigrini?

I tigrini con cui ho parlato, hanno condiviso con me che il governo etiope non permetterà mai volontariamente il passaggio degli aiuti umanitari al Tigray. È la comunità internazionale che dovrebbe assumersi la sua responsabilità per proteggere quando si verificano tali scenari. Il governo del Tigray ha lanciato diversi appelli al mondo per aumentare la pressione per l’approvvigionamento umanitario per salvare vite nel Tigray. Mi ha detto che sa che le persone nel Tigray hanno iniziato a mangiare foglie e radici che di solito non venivano mangiate, dicendo di aver visto tali testimonianze dalle famiglie di Indera wearda.

Quale futuro per salvare vite nel Tigray?

Questa era la mia domanda a un’altra signora del Tigray. Mi ha detto che non si aspetta alcun intervento positivo e tempestivo da parte dell’Unione Africana (AU). Secondo lei, la gente del Tigray ha rinunciato da tempo all’AU. Pensa che qualunque sforzo stia facendo AU è di apparire come se stesse cercando di fare uno sforzo genuino. Ha anche parlato della rinnovata enorme preparazione dall’Etiopia e dall’Eritrea perché non potevano spazzare via TPLF durante tutto l’anno. Ora, potrebbero vendicarsi della gente del Tigray se hanno la possibilità di entrare nel Tigray. In effetti, ha detto che la fame non serve solo a privare la Tigray Defence Force dell’approvvigionamento alimentare attraverso la gente, ma a far morire di fame il Tigray per non aver sostenuto il governo quando il governo era a Mekelle.

Conclusione

Ora, nel Tigray è in corso un genocidio sistematico privando l’assistenza umanitaria alle persone, la comunicazione, l’accesso ai servizi bancari, l’elettricità e anche la falsa dichiarazione del governo etiope sui problemi dei civili del Tigray. Sia la negazione che il blocco hanno intenzioni crudeli, sembrano credere i tigrini. Oltre a far morire di fame così tante persone, cosa che il mondo avrebbe dovuto evitare, la possibilità futura per la pace è improbabile. Molti tigrini hanno perso ogni fiducia nell’AU. Anche le Nazioni Unite non sembrano essere in grado di proteggere i civili, secondo i miei informatori. Mentre parliamo, le morti di persone nei villaggi e distretti del Tigray come Kola Tembien, Ofla e Indera stanno morendo, i residenti locali hanno testimoniato su Tigray TV. Anche l’ONU ha avvertito, ma non sta accadendo nulla di serio per fermare la fame che ha causato la morte di così tanti civili. Nel complesso, è difficile spiegare, ai giorni nostri, la morte di tanti bambini e donne, i malati e gli anziani nel Tigray sono lasciati perire solo dal blocco del governo etiope ed eritreo. Ciò dimostra che come comunità globale, non siamo ancora governati da principi condivisi di UMANITÀ. Cosa possono vedere ed imparare altre persone in altre parti del mondo?

Infine, come il genocidio ruandese ha avuto luogo sotto lo sguardo del mondo, la medesima condizione del Tigray oggi, i tigrini credono sia un “genocidio sistematico integrato da parte delle forze etiopi, eritree e di Amhara“: la storia si ripete perché non abbiamo imparato da essa e non abbiamo corretto meccanismi in atto per impedire che tali condizioni si verifichino in nome della sovranità! Dov’è la responsabilità del mondo di proteggere le vite? È accettabile permettere ai sicofanti di finire la loro gente con tutti i mezzi e rimanere impuniti? Le nazioni dovrebbero avere la sovranità quando i gruppi etnici o religiosi sono profilati e condannati a morte con mezzi strani come la carestia provocata dall’uomo? Nei primi mesi di guerra le forze etiopi, eritree e di Amhara hanno usato il sesso come arma per disumanizzare i tigrini, ora carestia per emaciare e distruggere la comunità, secondo molti tigrini. Pertanto, il mondo deve intervenire poiché non c’è più sovranità della nazione senza sovranità e dignità delle persone in essa. Sono gli esseri umani e le persone che dovrebbero avere la sovranità?

Back To Top