skip to Main Content
L'UE invita l'Etiopia a ricollegare la regione del Tigray al mondo

Etiopia invitata dalla UE a ricollegare la regione del Tigray al mondo

L’Unione europea afferma che il governo etiope deve ricollegare la regione del Tigray settentrionale al mondo poiché un blocco parziale durato un anno ha lasciato  aiuti alimentari, quantità per quasi 1 milione di persone alla fame, bloccati nei magazzini e senza il carburante per consegnarlo.

Janez Lenarčič, il commissario dell’UE per la gestione delle crisi, ha dichiarato ai giornalisti martedì che il recente aumento dei convogli di aiuti in arrivo nel Tigray è stato uno sviluppo positivo, ma ha aggiunto che “occorre fare di più” prima che l’UE normalizzi le relazioni con il secondo paese più popoloso dell’Africa con 115 milioni di persone.

Time line via social media della visita in Etiopia, in Tigray a Mekelle di Janez Lenarčič:

20 giugno 2020: Incontro con il Ministro degli esteri etiope

“Con focus globale sulla aggressione della Russia contro l’Ucraina ho sottolineato (al Ministro degli Esteri etiope Demeke Mekonnen) che l’Europa non ha dimenticato altre crisi in giro per il mondo , mentre ho esortando a fare il possibile per facilitare la nostra attività salvavita per raggiunge chi ne ha bisogno, per raggiungere la maggior parte in tutto il paese, con bisogni umanitari a livelli record.”

21 giugno 2022: Visita all’ Ayder Hospital di Mekelle

“La mia prima visita in Tigray da quando è scoppiato il conflitto. A Mekelle ho visitato l’ospedale di Ayder (recentemente chiuso per mancanza di forniture mediche n.d.r.). Nonostante le terribili circostanze lavorative, è stato commovente assistere alla dedizione del personale medico, ma è stato straziante vedere bambini che altrimenti non sarebbero stati lì.”

Incontro con il Presidente regionale Debretsion Gebremichael

“Era importante ascoltare direttamente anche dalle autorità regionali la loro valutazione sul campo, in particolare sulla terribile situazione umanitaria che i Tigrini stanno affrontando.

Ho accolto con favore i progressi compiuti tra le parti in guerra, che hanno portato alla fornitura di alcuni aiuti salvavita di base e ho esortato anche le autorità di #Tigray a continuare a basarsi su questi progressi per un accesso umanitario senza ostacoli e una soluzione pacifica durevole di questo conflitto.”

Alla stampa Janez Lenarčič ha dichiarato:

“Non vedo il motivo per mantenere in vigore il blocco dei servizi bancari, dell’elettricità e delle telecomunicazioni”, ha affermato, aggiungendo che il “blocco parziale” della regione del Tigray sta ostacolando gli sforzi umanitari mentre 5,2 milioni di persone hanno bisogno di aiuti dopo 19 mesi di conflitto.

Il Tigray è stato per lo più tagliato fuori dal resto dell’Etiopia dopo che le forze del Tigray hanno riconquistato la capitale regionale un anno fa e le forze federali si sono ritirate. Una tregua dichiarata dal governo a marzo ha portato a un aumento significativo degli aiuti che raggiungono il Tigray su strada dopo mesi di privazione.

Lenarcic ha chiesto al governo etiope di revocare le restrizioni sul carburante e sui contanti che entrano nel Tigray e ha affermato che “meccanismi di monitoraggio” potrebbero essere messi in atto per dissipare i timori del governo che le forze del Tigray possano deviare carburante per scopi militari.

Le Nazioni Unite questo mese hanno affermato che abbastanza cibo per sfamare 950.000 persone è attualmente bloccato nei magazzini della capitale regionale, Mekele, perché non c’è abbastanza carburante per distribuirlo all’interno del Tigray dopo che a diverse autocisterne è stato negato l’accesso nella regione.

“Abbiamo una situazione in cui i magazzini sono pieni, ma gli aiuti non possono andare nelle campagne dove i bisogni sono più elevati”, ha detto Lenarcic, e ha osservato che molte persone in Tigray dipendono interamente da tali aiuti perché non possono accedere al denaro nei loro conti bancari .

L’anno scorso, tra le segnalazioni di violazioni dei diritti umani nel conflitto, l’UE ha sospeso il sostegno di bilancio all’Etiopia per un valore di 88 milioni di euro (107 milioni di dollari).

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha annunciato questo mese la formazione di un comitato per gestire i negoziati con le forze del Tigray. Lo scorso maggio 2021 i membri del partito governante la regione tigrina (e capo coalizione per 27 anni al governo etiope) il TPLF – Tigray People’s Liberation Front, e i loro sostenitori sono stati dichiarati gruppo terroristico e terroristi dal governo legittimando abusi di potere e repressione etnica sull’etnia tigrina.

“Credo che dovrebbe essere possibile per entrambe le parti raggiungere presto un accordo”, ha detto Lenarčič. “È urgente che succeda”.

Back To Top