skip to Main Content

Etiopia, fermiamo la campagna di odio sui social. La tua segnalazione conta!

Nonostante il primo ministro etiope Abiy Ahmed abbia ritirato le truppe federali da Mekelle e abbia dichiarato un cessate il fuoco unilaterale il 28 giugno, il Tigray è tecnicamente sotto assedio. Secondo le Nazioni Unite su un totale di 7 milioni di abitanti della regione nord dell’Etiopia, dalle 350mila alle 900mila persone sono a rischio di morte per fame e altri 2 milioni sono a un passo dalla malnutrizione grave. Circa 5,2 milioni di tigrini necessitano di immediata assistenza umanitaria.

Agricoltori, operatori umanitari e funzionari locali affermano che il cibo è stato trasformato in un’arma di guerra, con i soldati federali e le milizie Amhara che bloccano o rubano gli aiuti alimentari. Agenzie umanitarie ONU e ONG che stanno affrontando la carestia sono limitate a causa della mancanza di carburante, dell’interruzione delle telecomunicazioni e dell’elettricità e dall’embargo umanitario di fatto decretato dal governo etiope.

Dal novembre 2020, i tigrini nelle città etiopi, in particolare nella capitale Addis Abeba, sono stati arrestati a migliaia, hanno avuto conti bancari congelati, sono stati epurati dal loro lavoro e le loro imprese sono state chiuse. Ai tigrini, un gruppo etnico minoritario che costituisce circa il 6% della popolazione etiope, è stato impedito di viaggiare all’estero.

Ora, i residenti ad Addis Abeba provenienti dal Tigray affermano che la proliferazione dei messaggi razziali è aumentata a un livello allarmante da quando il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray (TPLF) ha riguadagnato terreno, con molti tigrini troppo timorosi di lasciare le loro case. Gli arresti di massa sono ripresi, insieme a decine di attività commerciali tigrine chiuse con la forza dalle autorità etiopi. Le Nazioni Unite affermano di aver ricevute prove (attualmente all’esame) di esecuzioni extragiudiziarie di vari cittadini etiopi di origine tigrina recentemente arrestati. I tigrini che vivono altrove in Etiopia, temono di diventare “The Next Rwanda”. L’incitamento all’odio e il targeting dei tigrini si stanno intensificando ad Addis Abeba, terrorizzando sia i cittadini etiopi originari del Tigray sia i le coppie miste.

I messaggi di odio etnico, sorti nel 2019 sui social in Etiopia e tra la diaspora hanno avuto un aumento esponenziale dall’inizio del conflitto in Tigray. Dopo la sconfitta militare subita in giugno dagli eserciti etiope ed eritreo il fenomeno è esploso trasformando Twitter, Facebook, e gli altri social in veicoli di fakenews ma, soprattutto di odio e promozione del genocidio. Una tattica ben conosciuta fin dal genocidio ruandese del 1994 anche se allora si usavano giornali, radio, TV e il passaparola “al bar”.

Dinnanzi alle gravi violazioni dei diritti umani, stupri collettivi, fame prodotta dall’uomo (tutti crimini contro l’umanità) e, ora ai chiari propositi di genocidio espressi da utenti etiopi ed eritrei sui social, Facebook, YouTube-Google, Twitter e Microsoft devono aumentare i loro controllo non solo attendendo segnalazioni di utenti ma vagliando i messaggi con sistemi robotizzati, compresi anche quelli in lingua amarica. Questo controllo non è da confondere con il rispetto di libertà di espressione. Non vi è alcuna libertà nel incitare ad uccidere un gruppo etnico! I magnati dei social devono prestare fede al Digital Service Act dell’Unione Europea, che è un documento vincolante.

Rivolgiamo a tutti i lettori e i cittadini italiani e stranieri che condividono i principi morali della fratellanza, dell’amore, della democrazia, rispetto dei diritti umani e della pace a segnalare alle amministrazioni di Facebook, YouTube-Google, Twitter e Microsoft tutti i messaggi in lingua italiana, inglese e amarica di incitamento di odio etnico e genocidio.

Oltre ad accedere alle pagine web dedicate alle segnalazioni messe a disposizione dalle amministrazioni delle piattaforme social, consigliamo di fare una fotografia del messaggio dove si possa vedere il nome dell’utente e di postare il seguente messaggio sulla vostra pagina nella lingua che preferite.

“Ho segnalato all’amministrazione di (Facebook, Twitter, ect) questo messaggio in quanto veicola: (odio etnico – oppure – incitamento al genocidio) contrario al codice interno di (Facebook, Twitter, ect) e al Digital Service Act 2016 della UE”

Invitiamo i lettori e i cittadini in generale di fare segnalazioni strettamente limitate a messaggi contenenti chiare parole e allusioni di odio etnico o incitamento al genocidio. Messaggi di opinioni politiche, anche in sostegno all’attuale regime etiope, esercito federali, organizzazioni politiche, sono da considerare come una libertà di espressione garantita dalla Costituzione Italiana e da quella Europea.

Back To Top