skip to Main Content
Sicurezza Nel Sahel: Il Marocco Di Fronte Alle Sue Scelte Strategiche

Sicurezza nel Sahel: il Marocco di fronte alle sue scelte strategiche

Visto dall’Africa occidentale, il Marocco è un partner economico essenziale che considera questa regione come la sua naturale estensione. Ma Rabat ha anche una visione di sicurezza per il Sahel, come la vicina Algeria, e sta cercando di imporsi lì con un approccio che combina sicurezza e deradicalizzazione.

Il Marocco ha avviato da una quindicina d’anni un’offensiva diplomatica e politica sul continente africano. Questa strategia si basa su una dinamica di espansione delle sue imprese in Africa occidentale.

Fosfato, banche, assicurazioni, telecomunicazioni, trasporti aerei, servizi agricoli, commercio di materie prime… i gruppi nazionali fanno ormai parte del panorama economico e finanziario di tutti i paesi della Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (CEDEAO)

“Nell’arco di 20 anni, il Marocco ha firmato ben 949 accordi con gli Stati africani”, ha detto a Sputnik Emmanuel Dupuy, specialista in questioni di sicurezza europea e relazioni internazionali e presidente dell’ Institut prospective et sécurité in Europa (IPSE).

“Il Marocco è il principale investitore della Comunità Economica e Monetaria dell’Africa Occidentale (UEMOA). È, di per sé, uno dei principali investitori in un’altra regione che è la Comunità Economica e Monetaria dell’Africa Centrale (CEMAC) ed il secondo più grande emittente africano di investimenti diretti esteri (IDE), dopo il Sudafrica, in tutto il continente africano”, osserva il ricercatore.

L’esperienza del Marocco

Secondo Emmanuel Dupuy, l’offensiva continentale del Marocco non si limita unicamente alle sfere economiche e finanziarie, ma anche i settori della sicurezza e della deradicalizzazione sono all’ordine del giorno.

Incontrato lo scorso febbraio al Forum di Bamako, un forum di riflessione sull’Africa che si tiene ogni anno nella capitale del Mali, Hassan Saoudi è consulente in materia di sicurezza e strategia e ricercatore associato presso il Royal Institute for Strategic Studies of Morocco (IRES).

Ha inoltre avuto una carriera come ufficiale nei ranghi della Royal Canadian Mounted Police. Interrogato dallo Sputnik, ritiene che le autorità del regno “siano preoccupate per quanto sta accadendo nel Sahel, divenuta una regione soggetta a una minaccia globale”.

“Gli Stati dell’Africa occidentale e del Sahelian affrontano il terrorismo, la criminalità organizzata transnazionale, il traffico di esseri umani e, naturalmente, la minaccia cibernetica.

Il Marocco ha esperienza in questi settori e apporta le sue competenze in paesi amici come il Mali, la Repubblica Centroafricana e il Senegal.

Abbiamo messo avviato cooperazioni bilaterali, esportazioni di esperienze e competenze per gli Stati che ne fanno richiesta.

Se c’è interesse per questa competenza, ciò significa che il Marocco ha qualcosa da offrire”, sostiene Hassan Saoudi.

“Riformattare”

Sul piano operativo, i servizi segreti e l’esercito marocchino non sono concretamente presenti nella lotta al terrorismo.

Rabat non ha i mezzi di proiezione per un vero e proprio impegno nel Sahel, dove i gruppi jihadisti si stanno evolvendo.

Il suo contributo in materia di sicurezza è piuttosto in termini di sostegno finanziario e politico ai membri del G5 Sahel, che riunisce Mauritania, Mali, Burkina Faso, Niger e Ciad.

Esperti marocchini sono anche coinvolti nell’addestramento di alcuni eserciti nella sottoregione.

Hassan Saoudi mette in evidenza anche la competenza marocchina nel campo della deradicalizzazione, che permette di impegnarsi in una lotta “a monte” contro il fondamentalismo religioso.

Secondo lui, il Regno ha messo in atto una serie di meccanismi finalizzati a sensibilizzare la società e a sostenere l’Islam moderato.

Tra questi, l’Istituto Mohammed VI per la formazione di Imam e Mourchidines (Predicatori), che forma anche studenti provenienti dai Paesi dell’Africa occidentale, e i media come il canale televisivo coranico Mohamed VI e la Radio Coranica Mohamed VI, che sono “strumenti molto importanti per la sensibilizzazione”.

Back To Top