skip to Main Content

Etiopia, Commissione etiope diritti umani: crimini contro i civili delle forze di sicurezza

Le forze di sicurezza etiopi hanno ucciso più di 75 persone e ne hanno ferite quasi 200 nel corso dei disordini avvenuti a giugno e luglio in seguito all’uccisione del popolare cantante Hachalu Hundessa, voce di spicco nelle proteste antigovernative che hanno portato il premier Abiy Ahmed a insediarsi nel 2018.
È quanto rileva la Commissione etiope per i diritti umani in un rapporto che raccoglie dati r testimonianze da cui si evince che 123 persone sono state uccise e almeno 500 ferite in uno dei peggiori focolai di violenza etnica registrato nel Paese da anni. A compiere in parte quello che appare come un vero e proprio massacro, i militari governativi.
Un attacco  contro i civili definito “diffuso e sistematico”, azioni che si configurano come  crimini contro l’umanità.
Alcune vittime sono state decapitate, torturate o trascinate per le strade dagli aggressori.
La violenza etnica è una delle principali sfide per il primo ministro vincitore del Premio Nobel per la pace Abiy Ahmed, che ha sollecitato l’unità nazionale tra più di 80 gruppi etnici nel secondo paese più popoloso dell’Africa.
Secondo Ehcr, durante le proteste di strada dopo la morte di Hachalu, “i civili sono stati attaccati all’interno delle loro case da autori individuali e raggruppati e sono stati picchiati e uccisi nelle strade in modo raccapricciante e crudele con bastoni, coltelli, asce, sbarre di ferro affilate, pietre e cavi elettrici”. Più di 6.000 persone sono state sfollate e almeno 900 proprietà sono state saccheggiate, bruciate o vandalizzate, afferma il rapporto. Gli attacchi hanno spesso preso di mira l’etnia amhara o i cristiani ortodossi. “Sebbene sia comprensibile che le forze di sicurezza avessero il compito impegnativo di ripristinare l’ordine di fronte a una violenza così diffusa, la proporzionalità della forza impiegata in alcuni contesti è altamente discutibile”, afferma il rapporto.
Ad esempio, in diverse comunità, “la commissione ha scoperto che c’erano persone uccise con ferite da arma da fuoco alla testa, colpi al petto o alla schiena. Persero la vita anche le persone che non partecipavano alle proteste, i passanti che osservavano dalla porta di casa, i giovani, gli anziani che cercavano di mediare, le persone con malattie mentali e persino gli agenti di polizia”. In altri casi, la commissione ha rilevato che “le autorità locali e la sicurezza non hanno risposto alle ripetute richieste di aiuto delle vittime, sentendosi invece dire “che i superiori non hanno dato ordine di intervenire… Sopravvissuti e testimoni raccontano anche come a volte la polizia si è levata guardando mentre gli attacchi hanno avuto luogo”.
I disordini non erano legati al conflitto nella regione settentrionale del Tigray in Etiopia, iniziato all’inizio di novembre, ma è stato un altro segno delle tensioni che mettono a dura prova il paese di circa 110 milioni di persone nel cuore del Corno d’Africa. Un portavoce dell’ufficio di Abiy non ha commentato immediatamente il rapporto e la commissione non ha detto quale fosse stata la risposta del governo. Interviste con funzionari governativi e figure di sicurezza facevano parte delle indagini della commissione, che hanno coinvolto anche la visita di circa 40 comunità. La commissione ha affermato di non aver trovato alcuna indicazione di “sforzi in corso per indagare sull’uso della forza da parte degli agenti di sicurezza durante i disordini e per tenere conto di coloro che hanno causato inutili sofferenze umane”.
Il rapporto osserva infine che “i crimini contro l’umanità di questa natura, combinati con l’attuale contesto nazionale, sono segni che il rischio di crimini atroci, incluso il genocidio, è in aumento” e ha chiesto indagini, giustizia e “una soluzione duratura e istituzionale per la crescente tendenza alla discriminazione e agli attacchi contro le minoranze”

Back To Top