skip to Main Content
Water Of Africa, Una Campagna Sul Legame Tra Acqua Contaminata E Malnutrizione   

Water of Africa, una campagna sul legame tra acqua contaminata e malnutrizione

Fanno parte del mondo dello spettacolo, dello sport e del digital. Sono i VIP e gli influencer che hanno deciso di dire “no” all’acqua contaminata e non potabile bevuta, in Africa, da 319 milioni di persone.

Azione contro la Fame, organizzazione umanitaria internazionale specializzata nella lotta contro le cause e gli effetti della fame e della malnutrizione infantile, li ha coinvolti per riaccendere i riflettori sulla carenza di acqua potabile nel continente africano e, in particolare, nell’africa subsahariana.

Tutti loro, esibendo la bottiglia “Water of Africa”, hanno denunciato il nesso tra il consumo di acqua sporca e la malnutrizione. Water of Africa rappresenta l’acqua che milioni di persone, in Africa ma anche in altre aree del pianeta, raccolgono un po’ dovunque pur di dissetarsi. Il suo colore è giallo paglierino, talvolta marrone o rossastro. La bottiglia che la contiene dispone di un’etichetta che, anziché elencare le proprietà benefiche delle nostre acque “minerali”, annuncia quanto di più dannoso viene immesso nell’organismo con il suo consumo.

I testimonial

Cinema: Francesco Arca, Camilla FilippiMarina La Rosa, Miriam Candurro, Maria Chiara Centorami, Antonio Vulpio, Patti StilesFederica Strozzi (attori). Chiara Sani, Stefano Lodovichi (registi).

TVFabio Canino, Nina Palmieri, Barbara Gulienetti, Metis Di Meo (conduttori), Claudio Batta, Valerio Airò, Gianpiero Perone, Maurizio Bronzini, PanPers (comici), Stefano Callegaro (chef).

InfluencerJohanna Maggy, Mysia, Valentina Scarnecchia, Francesco Cristiano, Greta Futura, Ginevra Mavilla, Aya Mohamed, Michela D’Angelo, Valentina Marzullo, Andrea Faccio, Paolo Faccio, Manuel Otgianu, Polly & PamyGioia Giustino, Martina Hamdy, Catherine Poulain, Francesca Cinà, Erika Boldrin, Valentina Vernia, Sophia Ippoliti.

SportKiara Fontanesi (pilota motociclistica), Anbeta Toromani (ballerina), Enus Mariani (ginnasta), Giorgia Bronzini (ciclista), i giocatori della “Gas Sales Bluenergy” (volley Piacenza), Massimo Ambrosini e Daniele Adani (ex calciatori)

Chef: Carlo Cracco, Claudio Sadler, Cristina Bowerman, Cesare Battisti, Tommaso Arrigoni, Elio Sironi, Giancarlo Morelli e Stefano Callegaro

MusicaSyria (cantante), Federico Gardenghi (il dj più giovane al mondo).

Ha, inoltre, partecipato alla campagna l’avvocato di origine nigeriane e attivista, Hilarry Sedu, e il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, che ha dichiarato così il suo sostegno alla campagna: “Nessuno di noi berrebbe quest’acqua, nessuno di noi darebbe ai nostri figli questa bottiglietta. Eppure, in Africa, milioni di persone e di bambini sono costretti a farlo. L’acqua in alcune parti del mondo continua ad essere ancora il bene più prezioso”.

Un fenomeno preoccupante. L’iniziativa è stata promossa per denunciare un’acqua, quella contaminata, che rischia di essere bevuta quotidianamente da 319 milioni di persone. Il perché della vastità del fenomeno è presto detto: le famiglie, nell’area subsahariana, non hanno accesso all’acqua nelle proprie case e non dispongono di un pozzo vicino al luogo in cui vivono. Si dissetano, spesso, attraverso fonti d’acqua non trattata e, di conseguenza, finiscono per mettere a dura prova organismi già indeboliti dall’assenza di cibo e nutrienti essenziali alla salute. Le persone esposte all’acqua contaminata possono ammalarsi rapidamente di malnutrizione legata all’insorgenza ripetuta di diarrea e infezioni intestinali.

Decine di migliaia di persone muoiono ogni anno a causa di malattie legate all’acqua o altri problemi igienico-sanitari e di questi, fino al 90% sono bambini di età inferiore ai cinque anni. Circa 180.000 bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno – circa 500 al giorno – nell’Africa subsahariana a causa di malattie diarroiche legate a inadeguatezze idriche e igieniche.

La pandemia ha evidenziato l’importanza dell’acqua e dell’igiene come strumento di prevenzione dal Covid-19 – ha dichiarato Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la Fame -. Eppure, in alcuni scenari come l’Africa subsahariana, l’acqua non c’è oppure è sporca e contaminata. Abbiamo voluto rendere ‘contemporanea’ questa piaga raccontandola, per una volta, in modo diverso. Attraverso il coinvolgimento di testimonial dello spettacolo, della musica e dello sport, vogliamo raccontare che l’acqua sporca e contaminata è ancora oggi una delle principali cause della malnutrizione infantile, che ogni anno uccide due milioni di bambini sotto i cinque anni”.

 

Back To Top