vai al contenuto principale

“Le verità nascoste del delitto Attanasio”, il libro inchiesta su fatti e testimonianze rimasti in un cono d’ombra

È stato presentato venerdì 17 febbraio a Roma il libro inchiesta “Le verità nascoste del delitto Attanasio”, scritto dalla giornalista e direttrice della nostra rivista Antonella Napoli.
La Napoli, che conosceva personalmente Attanasio ed è tornata due volte in Congo, lo scorso novembre e recentemente al seguito di papa Francesco, nel libro svela il coinvolgimento nell’inchiesta, poi archiviata, di esponenti delle Forze armate congolesi.
Oltre ad aver acquisito tutti gli atti dell’indagine giudiziaria della Procura del Tribunale di Roma, la giornalista ha raccolto testimonianze sul posto dove ha trascorso un lungo periodo.
“Con questa inchiesta giornalistica investigativa ho provato a ricostruire tassello dopo tassello una vicenda da subito apparsa dai contorni oscuri e viziata da tentativi di depistaggio. Molte azioni e atteggiamenti, già dalle prime ricostruzioni, sono apparsi tutt’altro che trasparenti. Aspetti che ancora oggi sono avvolti da un’inaccettabile omertà”.
Alla presentazione, che si è svolto alla Fondazione per il giornalismo Paolo Murialdi, oltre all’autrice hanno partecipato la direttrice della casa editrice All Around Lucia Visca, il presidente dell’Ordine dei giornalisti Carlo Bartolo il fratello del carabiniere vittima dell’agguato insieme ad Attanasio, Dario Iacovacci.
Nell’occasione Salvatore Attanasio, padre del diplomatico assassinato, attraverso un messaggio ha lanciato un appello a non spegnere i riflettori sull’uccisione del figlio.  Appello fatto proprio da Bartoli.
“Recepisco e faccio mio l’appello di Salvatore Attanasio, papà dell’ambasciatore Luca Attanasio, a tenere alta l’attenzione su quel maledetto 22 febbraio 2021 nella Repubblica democratica del Congo, una vicenda su cui i media italiani devono restare vigile” ha detto Bartoli.
Durante la presentazione è intervenuto anche Dario Iacovacci il quale ha annunciato che a due anni dalla tragica scomparsa di Vittorio oltre al ricordo con una celebrazione presso l’Abbazia di Fossanova, seguirà il trasporto della salma nella residenza di famiglia dove resterà.

Torna su