skip to Main Content
Guinea, Dopo Le Elezioni Le Forze Di Sicurezza Sparano Sui Manifestanti

Guinea, dopo le elezioni le forze di sicurezza sparano sui manifestanti

In Guinea, dopo le elezioni del 18 ottobre i cui risultati ufficiali hanno conferito un terzo mandato al presidente uscente Alpha Condé, è in corso una repressione a porte chiuse, grazie anche al blackout di Internet e delle comunicazioni telefoniche, cui assistono silenziose l’Unione africana e la Comunità economica degli stati dell’Africa occidentale.

Con l’aiuto di testimonianze oculari e delle immagini satellitari. Amnesty International ha potuto ricostruire quanto avvenuto il 21 ottobre a Kobayah, un quartiere periferico della capitale Conakry, e nella città di Labé.

A Kobayah un soldato con elmetto e giubbotto antiproiettile ha aperto il fuoco tre volte e senza preavviso, da distanza ravvicinata, contro manifestanti che non stavano mettendo in atto alcuna minaccia.

A Labé sono state usate armi da guerra, proiettili 7,62 x 39 mm per armi AK/PMAK in dotazione alle forze di sicurezza guineane.

Secondo l’opposizione, i manifestanti uccisi dal 18 ottobre sarebbero 27 mentre il governo ne ha ammessi nove, tra cui due agenti d polizia. I feriti tra i sostenitori del candidato ufficialmente sconfitto, Cellou Dalein Diallo, sarebbero oltre 100.

Back To Top