skip to Main Content
Etiopia, L’impatto Dell’assedio Del Tigray Sui Pazienti Cardiologici Dell’ Ospedale Ayder, Mekelle

Etiopia, l’impatto dell’assedio del Tigray sui pazienti cardiologici dell’ Ospedale Ayder, Mekelle

Le conseguenze della guerra genocida iniziata nel novembre 2020 in Tigray, stato regionale settentrionale dell’ Etiopia, ha provocato violenze disumane, centinaia di migliaia di morti tra i civili dirette e indirette (per mancanza di cibo, medicinali e cure mediche). E’ stato distrutto la quasi totalità del sistema sanitario regionale. Oggi il Tigray è ancora confinato a se stesso per volontà politiche ed è in atto una catastrofe umanitaria.

Degne di nota le seguenti testimonianze recentemente condivise da un media francese.

Le ONG, poche, faticano a lavorare. A condizione di anonimato, il funzionario americano di una di loro – molto arrabbiato con l’Onu – ha denunciato la :

“Sapete che da marzo 2022 avevano kit anti-carestia? Ma poiché erano incompleti, hanno aspettato due mesi per distribuirli. Nel frattempo, le persone sono morte”

Invece per la professoressa Kindeya Gebrehiwot, che un tempo dirigeva la Mekele University, il pericolo potrebbe essere più grande che mai:

“Il livello di incitamento all’odio contro la nostra gente va oltre l’immaginazione. L’Etiopia ha un vero problema con le sue élite che chiedono la fine di noi tigrini.”

Con gli occhi arrossati dalle troppe notti insonni, prosegue:

“I nazionalisti di estrema destra amhara consigliano direttamente il premier. Per loro siamo il nemico da sconfiggere.”

Il carburante vale più dell’oro, bloccato per volontà politiche, ma servirebbe per l’utilizzo di camion che dovrebbero consegnare il materiale salvavita in maniera capillare dalla capitale tigrina alle zone rurali.

Costo della benzina a Mekelle? Si può riempire un serbatoio di un 4×4 per poco più di 700 dollari. Intanto nella capitale tigrina si sono riscoperti i trasporti con carri trainati da animali da soma.

La mancanza di acqua, di servizi igienici di base fanno in modo che stiano proliferando focolai di ogni tipo di malattia e sindrome debellate in passato.

Gli operatori sanitari, come riportato da UMD Media il 25 luglio 2022, chiedono aiuto urgente e sottolineano con aggiornamenti la gravità della situazione sanitaria.

Focolaio di malaria

In 10 distretti (localmente conosciuti Woredas) nel Tigray. Solo la scorsa settimana sono stati segnalati più di 2000 casi. Sebbene in questo momento non sia un periodo favorevole di trasmissione, l’epidemia è attribuita al fatto che nessuna misura di intervento di salute pubblica contro la malaria è stata adottata per un anno dall’inizio della guerra e alle deboli attività di intervento dell’anno scorso. Più del 77% dei casi di malaria sono la variante mortale, scientificamente nota come P. falciparum. Un paziente affetto da grave malaria è morto all’ospedale di Ayder. Il paziente si è recato in ospedale con insufficienza renale acuta, trombocitopenia e tutte le altre manifestazioni gravi. I medici temono dato che ci sono pochissime o nessuna fornitura diagnostica e terapeutica. Niente reti da letto o prodotti chimici per disinfettare.

Il sostegno ai programmi di prevenzione e controllo della tubercolosi (TB), dell’HIV e della malaria, comprese le forniture all’Etiopia, proviene dal Global Fund, un movimento mondiale fondato nel 2002. Un professionista medico ha dichiarato che “Il governo dell’Etiopia ha privato il Tigray di tali forniture”.

Antrace

Negli ultimi mesi sono state segnalate morti di bovini e altri animali con più di 44 di loro. Dopo l’epidemia negli animali, anche i casi di antrace umano sono stati confermati clinicamente. La maggior parte dei casi colpisce la pelle mentre alcuni sono del tipo antrace gastrointestinale con alcuni decessi.

Il Tigray non ha vaccinato gli animali contro l’antrace per più di un anno.

Con i mezzi di comunicazione molto limitati, anche a piedi, le persone ricevono istruzioni inconsistenti al cibo e agli animali malati e alcun supporto su come sbarazzarsi della carcassa di animali morti o su come dovrebbero gestire gli animali malati. Non ci sono vaccini né farmaci per gli animali.

Rabbia

In alcuni luoghi si sono verificati casi sospetti. Nessun vaccino post-esposizione. Nel periodo prebellico, il Tigray aveva un vecchio tipo di vaccino. “Anche quello adesso è un lusso. Non ce n’è”, ha detto una fonte a UMD Media.

Malattie diarroiche

Un medico del Tigray ha dichiarato: “Anche se non ci sono ancora casi confermati di colera, i rischi ci sono. Il numero di persone con dissenteria e altra diarrea acquosa è in costante aumento. Speravamo di ottenere il vaccino orale contro il colera dall’OMS o da altre agenzie globali”.

I medici stanno anche assistendo alla leishmaniosi cutanea, un’infezione cutanea trasmessa dal morso di un flebotomo in un contesto di reale difficoltà ad assumere farmaci anti-leishmaniosi.

La situazione in Tigray non è di crisi, ma di catastrofe umanitaria in atto. Soprattutto quel che riguarda le necessità più che urgenti, oltre al carburante: cibo, acqua, medicine e supporto medico igienico/sanitario.

Tigray Siege and its impact on cardiology services in Mekelle University Hospital: a call to action

Pubblicazione su European Heart Journal in data 17 giugno 2022

Abraha Hailu Weldegerima, Hagazi Tesfay, Samuel Berhane, Christian J Leuner, Tigray Siege and its impact on cardiology services in Mekelle University Hospital: a call to action, European Heart Journal, 2022;, ehac295, https://doi.org/10.1093/eurheartj/ehac295

“Con una popolazione di 7 milioni di abitanti, lo stato regionale del Tigray si trova nella parte settentrionale dell’Etiopia.(1) La guerra nel Tigray è scoppiata il 4 novembre 2020 ed è ancora in corso. Quasi 20 mesi dopo, lo sfollamento, la morte e la distruzione delle strutture sanitarie sono diventati gli elementi distintivi di questo conflitto armato, mettendo a rischio milioni di vite. La guerra ha portato a un collasso quasi totale del sistema sanitario della regione del Tigray, rendendo disfunzionali il 70-80% delle strutture sanitarie nella regione del Tigray.(2,3)

L’ospedale della Mekelle University (Ayder), fondato nel 2008, si trova nella capitale del Tigray, Mekelle (Figura 1). È la struttura sanitaria di punta del Tigray e serve più di 10 milioni di persone del Tigray, della regione Afar, dei distretti settentrionali della regione di Amhara e dell’Eritrea. Dal 2011, la sua unità di cardiologia è stata dotata di moderni Holter-ECG a riposo e da sforzo, sfigmomanometri Holter ed ecocardiografi. Dopo che il primo cateterismo cardiaco è stato completato con successo nel 2015, (4) l’ospedale ha eseguito un intervento coronarico percutaneo primario (PCI) e ha impiantato pacemaker permanenti con esperienza locale. Con l’aiuto di facoltà locali e internazionali, l’Ayder Hospital ha eseguito più di 238 coronarografie e PCI, 65 valvotomie, 38 impianti di pacemaker e 41 chiusure di difetti cardiaci. (4)

Hayder Hospital Mekelle - Tigray Etiopia
Hayder Hospital Mekelle – Tigray Etiopia (Figura 1)

L’ospedale seguiva più di 5000 pazienti cardiopatici durante l’immediato anno prebellico nel 2020 (stimato dal follow-up ambulatoriale). I nostri pazienti tendevano a presentare insufficienza cardiaca avanzata e infezioni sovrapposte che richiedevano cure mediche urgenti. Come chiunque viva nell’attuale pantano del Tigray, i pazienti cardiopatici devono affrontare problemi su più fronti a causa del completo assedio con blackout delle comunicazioni: non ci sono telecomunicazioni, trasporti, cibo e forniture mediche. Tutti i conti bancari sono stati congelati.(3,5) Di conseguenza, a 16 mesi dall’inizio del conflitto, il numero di procedure di Cath Lab e il numero di pazienti cardiopatici seguiti nell’unità di cardiologia è diminuito drasticamente di oltre il 50%, portando alla prematura perdita di vite umane con un numero significativo di decessi domiciliari prevenibili (Figura 2).

Figura 2

I pazienti che stavano ricevendo almeno i farmaci di base per l’insufficienza cardiaca vengono ora rimandati a casa dai loro medici a causa della mancanza di farmaci cardioattivi critici e test diagnostici. Le risorse diagnostiche e terapeutiche in forte deterioramento stanno causando un enorme impatto psicologico su pazienti e medici. Con l’inasprimento dell’assedio nel luglio 2021, le alternative ai farmaci per il trattamento dei pazienti sono progressivamente diminuite, costringendo i pazienti a usare farmaci scaduti. Ora la regione ha esaurito qualsiasi farmaco, costando silenziosamente la vita a molti.

Anche l’ospedale di Ayder ha esaurito i test del profilo di coagulazione, che mancano anche nel Tigray. I servizi di tomografia computerizzata o risonanza magnetica non sono più disponibili. Le procedure non invasive ed invasive vengono frequentemente interrotte a causa della mancanza di manutenzione, della mancanza di forniture (nemmeno l’assenza di contrasto e cocktail di farmaci necessari nel laboratorio di cateterizzazione), del costo delle procedure, ecc. Quindi, i pazienti con ictus e sindromi coronariche non stanno ricevendo una terapia appropriata.

Ci sono più di 200 pazienti dentro e intorno a Mekelle con valvole cardiache meccaniche. La maggior parte (140) di loro ha subito un intervento chirurgico per cardiopatia reumatica (RHD), fatto con il supporto di Save a Life4Life, in Sudan e in Italia. Questi pazienti erano soliti ottenere gratuitamente controlli di follow-up ravvicinati e farmaci per tutta la vita, incluso il warfarin e test INR regolari. Negli ultimi 10 mesi abbiamo avuto due decessi per mancanza di controlli di follow-up per i pazienti con sostituzione valvolare. Se non si cercherà di aprire corridoi umanitari, tutti gli sforzi fatti per fare i costosi interventi chirurgici saranno stati vani. La guerra ha anche interrotto il programma PrevRHD (prevenzione e controllo della cardiopatia reumatica basata su linee guida), finanziato dai nostri partner in Germania (Klinikpartnerschaften/GIZ),(6)

Gli effetti diretti del conflitto armato sulle strutture sanitarie e sui lavoratori sono gravi, ma gli effetti indiretti sono ancora più profondi.(5) È passato più di un secolo e mezzo da quando è stata adottata la prima convenzione di Ginevra che vietava gli attacchi alle strutture sanitarie, ma qui nel Tigray, come in altre regioni del mondo dilaniate dalla guerra, la dichiarazione che è stata fatta allora non è stata né rispettata né applicata.(7)

Durante il periodo prebellico, i partner della Mekelle University hanno assistito al fatto che l’Ayder Hospital aveva amministratori e medici dinamici che fornivano servizi a un livello inimmaginabile pochi anni prima della sua istituzione. Ora, il personale dell’ospedale di Ayder e i loro partner stanno parlando con urgenza dell’impatto disastroso che questa guerra sta causando sull’erogazione dell’assistenza sanitaria.(8,9)

A nome della comunità dell’ospedale di Ayder, chiediamo che le comunità cardiologiche nazionali e internazionali forniscano una risposta urgente per ripristinare l’assistenza sanitaria, prevenire ulteriori perdite di vite umane e migliorare la miseria dei nostri pazienti. Esortiamo e invitiamo tutti i professionisti e le organizzazioni a essere i sostenitori dei nostri pazienti e portare sostegno ai pazienti nel Tigray, nell’Etiopia settentrionale.

Ringraziamenti

Gli autori ringraziano la Mekelle University—College of Health Sciences; Ephrem Berhe MD, internista, nefrologo e direttore dell’Office of Public and International Relations, Mekelle University, Ayder Comprehensive Specialized Hospital, e Marta Yamane MD, pediatra, presso la stessa istituzione per il loro supporto nel portare questo argomento all’attenzione del pubblico medico internazionale.

Conflitto di interessi: CJL è il presidente onorario dell’associazione per gli aiuti allo sviluppo Etiopia-Witten eV Germania. Tutti gli altri autori non hanno conflitti di interesse da rivelare.

Riferimenti

  1. CSA .Population and Housing Census Report: Ethiopia .Addis Ababa :Central Statistical Agency ;2007
  2. Rubinstein L, Gebregziabher M.The assault on health care in Tigray. https://thehill.com/opinion/international/567825-the-assault-on-health-care-in-tigray/  (14 August 2021).
  3. Gesesew H, Berhane K, Siraj ES, Siraj D, Gebregziabher M, Gebre YG, et al.   The impact of war on the health system of the Tigray region in Ethiopia: an assessment.BMJ Global Health 2021;6:e007328.
  4. Leuner CJ . Cardiology in Mekelle, Ethiopia: setting up a modern heart Cath Lab in a University Hospital in Ethiopia was a 5-year endeavour for retired cardiology interventionist Christian Leuner MD . Eur Heart J 2018 ;39 :1666 –1668 .
  5. Dyer O . Tigray’s hospitals lack necessities as relief supplies are blocked, say doctors . BMJ 2022 ;376 :o34.
  6. Karthikeyan G , Connolly SJ , Ntsekhe M , Benz A , Rangarajan S , Lewis G , et al. The INVICTUS rheumatic heart disease research program: rationale, design and baseline characteristics of a randomized trial of rivaroxaban compared to vitamin K antagonists in rheumatic valvular disease and atrial fibrillation . Am Heart J 2020 ;225 :69 –77 .
  7. The Geneva Convention . Hospital 1899 ;27 :68 .
  8. Paltiel O . Tigray: the challenges of providing care in unimaginable conditions . BMJ 2022 ;376 :o400 .
  9. Clarfield A , Gill G , Leuner C , Moses A , Paltiel O . An appeal to world leaders: health care for Ethiopians in Tigray . Lancet 2022 ;399 :433 .

NOTE di copyright della pubblicazione di European Heart Journal :

This article is published and distributed under the terms of the Oxford University Press, Standard Journals Publication Model (https://academic.oup.com/journals/pages/open_access/funder_policies/chorus/standard_publication_model)
Back To Top