skip to Main Content
Etiopia, Appello Di Amnesty International: Proteggere I Civili Nell’offensiva Militare Nel Tigrè

Etiopia, appello di Amnesty International: proteggere i civili nell’offensiva militare nel Tigrè

Dopo l’ultimatum di 72 ore dato il 23 novembre dal primo ministro dell’Etiopia Abiy Ahmed al Fronte di liberazione popolare del Tigrè e in vista dell’offensiva militare sulla capitale Macallè, Amnesty International ha lanciato un appello a tutte le parti in conflitto affinché proteggano i civili e garantiscano l’accesso degli osservatori sui diritti umani e delle organizzazioni umanitarie.
Particolarmente preoccupanti sono state queste parole, pronunciate alla tv di stato del portavoce militare delle forze armate federali, il colonnello Dejene Tsegaye:  “Vogliamo inviare questo messaggio alla popolazione di Macallè: mettetevi in salvo dai colpi di artiglieria, liberatevi voi stessi dalla giunta [che vi governa]. Dopo, non avremo più pietà!”
Le richieste di Amnesty International a tutte le parti in conflitto sono le seguenti:
– non colpire obiettivi civili come ospedali, scuole, istituzioni religiose e aree residenziali;
– evitare di collocare strutture militari nei pressi o all’interno dei centri abitati e assicurare che i civili non saranno usati come scudi umani;
– non usare armi con effetto ad ampio raggio (artiglieria, mortai e bombe aree prive di guida) nei centri abitati e in altre zone dov’è concentrata la popolazione civile;
– garantire pieno accesso alle organizzazioni umanitarie in tutto il Tigrè, dove dopo l’offensiva militare lanciata il 4 novembre c’è grande bisogno di aiuti militari;
– garantire pieno accesso nel Tigrè agli osservatori sui diritti umani;
– chiedere l’appoggio di enti regionali e internazionali per assicurare indagini appropriate sulle violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario;
– ripristinare immediatamente le comunicazioni telefoniche e Internet nel Tigrè nel rispetto del diritto alla libertà d’espressione.
Back To Top