skip to Main Content

Etiopia 1991. Etiopia 2021. La storia si ripete

La breve ma orrenda parentesi del ragazzino che sognava di essere Imperatore. Abiy Ahmed Ali, sta per finire.
È questione di giorni prima che le forze democratiche di almeno 6 regioni etiopi lancino l’attacco finale per liberare Finfinee, il nome originale in lingua Oromo di Addis Ababa che molto probabilmente verrà ripristinato una volta che la coalizione politica sorta a Washington D.C., United Front of Ethiopian Federalist Forces – UFEFF, si insedierà al governo del paese.
Per i lettori di Focus on Africa presentiamo il famoso articolo di Clifford Krauss, pubblicato il 22 maggio 1991 sul New York Times riguardante la fuga del dittatore etiope Mengistu Haile Mariam, grazie alla traduzione della versione digitalizzata conservata presso l’archivio cartaceo del quotidiano newyorkese.
L’articolo dell’epoca presenta molte similitudini con l’attuale situazione etiope.
Come oggi anche allora il principale protagonista della caduta del regime era il Tigray People’s Liberation Front – TPLF. Identica la tattica militare adottata: prima la conquista della città di Dessie e poi quella di Mille. Identici gli ultimi e inutili massacri di civili da parte del regime morente. Identica la retorica del regime vantando immiginarie vittorie prima di crollare definitivamente.
Identico l’ambiguo ruolo degli Stati Uniti negli ultimi giorni del regime. La sola differenza sta nel ruolo dell’Eritrea, all’epoca alleata del TPLF, oggi nemica. Molto probabilmente anche il Premio Nobel per la Pace (o meglio per la Guerra…) Abiy Ahmed Ali tenterà di fuggire come fece 30 anni fa Mengiustu. Con la speranza che la sua fuga fallisca e che il criminale venga assicurato alla giustizia.

Etiopia 1991 Il dittatore etiope fugge. Funzionari in cerca di aiuto negli Stati Uniti

Il Tenente Colonnello Mengistu Haile Mariam, che ha governato l’Etiopia con pugno di ferro per 14 anni, si è dimesso oggi ed è fuggito dal Paese. I funzionari del suo governo hanno quindi invitato gli Stati Uniti a cercare di organizzare un accordo con i ribelli etiopi che, secondo quanto riferito, stavano avanzando verso la capitale.
Poco dopo la partenza del Colonnello Mengistu alle 9:30 del mattino, su un aereo della Ethiopian Airlines diretto in Zimbabwe, il Primo Ministro Tesfaye Dinka ha telefonato all’incaricato d’affari dell’ambasciata degli Stati Uniti, Robert G. Houdek, per chiedere a Washington di inoltrare una richiesta ai guerriglieri per un cessate il fuoco immediato. Più tardi nel corso della giornata, i funzionari dell’aeroporto di Harare, la capitale dello Zimbabwe, hanno confermato che il Colonnello Mengistu era arrivato.
I funzionari americani, che hanno svolto un ruolo crescente nella ricerca di una soluzione negoziata alla guerra civile negli ultimi mesi, hanno accettato di trasmettere il messaggio, ma un rappresentante dei ribelli si è rifiutato di porre fine all’offensiva.
Prima di partire, il Colonnello Mengistu, che deteneva il titolo di Presidente, a consegnato il controllo del governo di Addis Abeba al suo vicepresidente, il Tenente. Generale Tesfaye Gebre-Kidan, ma la partenza del Colonnello Mengistu sembrava annunciare la fine del governo marxista della linea più dura dell’Africa, ritenuto responsabile della morte di migliaia di etiopi nelle purghe politiche e del trasferimento forzato di centinaia di migliaia di contadini in cooperative fondate dal governo e fattorie.
Nell’ultimo anno il governo si è mosso per allentare i vincoli sulla politica e sull’economia della nazione, ma l’animosità che aveva creato tra una variegata collezione di gruppi etnici rurali era troppo da superare. Come i leader comunisti della linea dura dell’Europa orientale, il Colonnello Mengistu è stato minato dalle forti riduzioni degli aiuti militari ed economici sovietici negli ultimi due anni. Un’interruzione quasi completa dell’assistenza sovietica da dicembre ha eroso il morale dell’esercito e un reparto dopo l’altro è crollato di fronte a un’offensiva ribelle iniziata a febbraio. Si dice che i ribelli si trovino entro 50 miglia dalla capitale e stiano ancora avanzando. I migliori reparti dell’esercito rivoluzionario sono decisi a liberare il paese.
I funzionari degli Stati Uniti nelle ultime settimane avevano tranquillamente suggerito che il Colonnello Mengistu si dimettesse per raggiungere la pace. Il mese scorso, il Colonnello Mengistu ha detto all’ex senatore Rudy Boschwitz, inviato speciale del Presidente Bush, che avrebbe lasciato il suo incarico se fosse stato l’unico modo per mantenere unita l’Etiopia. Alti funzionari del governo hanno affermato che il Presidente etiope e i suoi più stretti consiglieri hanno deciso lunedì sera di dimettersi dopo aver concluso che era l’unico modo per evitare la disintegrazione del paese.
“Tutto sta finendo perché siamo arrivati ​​a un punto in cui i nostri militari non possono fare nulla per fermare la guerriglia”, ha detto un alto funzionario del governo, che ha parlato a condizione di rimanere anonimo. “Questo non è l’inizio della fine. È la fine della fine.”
Il governo di Mengistu ha affrontato due grandi gruppi ribelli: il Fronte di Liberazione del Popolo Eritreo e il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray. Da 31 anni il gruppo eritreo lotta per l’indipendenza della provincia settentrionale, che confina con il Mar Rosso e comprende il fondamentale porto di Massaua. Massaua è nelle mani dei ribelli da più di un anno e le forze ribelli stanno assediando la capitale della provincia, Asmara. Durante gli anni ’70, il gruppo eritreo aveva un’ideologia fortemente marxista, ma negli ultimi anni ha ammorbidito la sua linea.
I ribelli del TPLF, con sede in quella provincia a sud dell’Eritrea, stanno combattendo per rovesciare il governo di Mengistu. Attivo dalla metà degli anni ’70, ha ottenuto il controllo militare del Tigray diversi anni fa. Il TPLF ha una linea marxista più dura degli eritrei. Negli ultimi mesi, i due gruppi hanno formato il Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo Etiope, ma hanno mantenuto la loro identità separate e obiettivi a lungo termine.
Il governo ha annunciato la partenza del Colonnello Mengistu in una breve trasmissione radiofonica a mezzogiorno. “Al fine di controllare lo spargimento di sangue e riportare la nazione alla pace e al progresso, diverse persone sono arrivate alla conclusione che il Presidente avrebbe dovuto rinunciare al suo potere. Pertanto, ha ceduto il suo potere al vicepresidente Lieut. Gen. Tesfaye Gebre-Kidan e ha lasciato il paese”, recita il breve comunicato. La dichiarazione ha proseguito suggerendo che il governo “lavorerà per la formazione di un governo di transizione”.
Alti funzionari del governo hanno affermato che il generale Tesfaye, che ha assunto la carica di Vicepresidente solo il mese scorso, sarebbe poco più di una figura di spicco. Hanno detto che il Primo Ministro Tesfaye, che non è parente del Generale, avrebbe effettivamente gestito il governo e avrebbe tentato di negoziare un accordo con i guerriglieri.
Il Generale Tesfaye è stato amministratore militare per la provincia dell’Eritrea fino a quando non è stato nominato vicepresidente. È stato descritto dai diplomatici come un ufficiale non ideologico con un discreto passato in materia di diritti umani. Secondo quanto riferito, è popolare con la maggior parte dei gruppi dell’esercito. Il Primo Ministro Tesfaye è un economista ed ex ministro degli Esteri che ha sviluppato un buon rapporto con i funzionari dell’amministrazione Bush e dell’Europa occidentale.
L’immediata reazione popolare alla partenza del Colonnello Mengistu sembra più di sorpresa che di sollievo. Nessuna manifestazione è stata segnalata nella capitale o in tutto il paese, e gli onnipresenti cartelli e striscioni con l’immagine del Colonnello Mengistu sono rimasti intatti. “Mengistu non c’è più e questo è un sollievo per noi”, ha detto Mugeta Tesfaye, un impiegato di banca di 39 anni, “ma saremo fortunati se otterremo una soluzione pacifica”. “Come potrebbe essere buono?” ha chiesto Abeb Tesfaye, un contabile. “Proprio quando siamo minacciati, ci lascia.”
Dopo la fuga del Colonnello Mengistu, nella capitale si è sparsa la voce che i ribelli stavano per piombare nella capitale e uccidere tutti coloro che erano associati al governo. Le truppe dell’esercito pattugliano le strade su camion scoperti e jeep con i loro fucili d’assalto pronti. Durante il giorno, i cittadini hanno formato lunghe file presso le banche per ritirare i loro soldi e nei negozi locali per accumulare cibo. Le scuole e gli edifici degli uffici governativi hanno chiuso presto e il governo ha annunciato il coprifuoco dall 9 di sera alle 5 del mattino.
Il Colonnello Mengistu, la cui età è collocata tra i 46 e i 53 anni, è stato membro di un consiglio di ufficiali che ha rovesciato l’imperatore Haile Selassie con un colpo di stato incruento nel 1974. Ha preso il controllo esclusivo nel 1977, quando ha ucciso personalmente diversi membri della giunta in una riunione nella capitale. Dopo aver stretto un’alleanza tattica con l’Unione Sovietica e Cuba per respingere un attacco della vicina Somalia alla fine degli anni ’70, ha formato un partito di governo marxista-leninista e ha deciso di creare un sistema comunista. Nessuna tregua per il governo
Ma i guerriglieri separatisti in Eritrea hanno dissanguato il suo governo con i loro continui attacchi. Poi la guerra, le politiche economiche fallimentari e una devastante siccità a metà degli anni ’80 hanno portato alla fame di massa che ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone. I critici hanno accusato il Colonnello Mengistu di aver peggiorato la carestia negando cibo alle aree più contrarie ai suoi programmi agrari, che includevano prezzi fissi e contributi forzati al raccolto e al lavoro da parte dei contadini.
Il suo governo si è sciolto rapidamente da quando i guerriglieri hanno iniziato giovedì attacchi coordinati a ovest, nord e nord-est della capitale. Oggi, i ribelli del TPLF hanno raggiunto il loro obiettivo di tagliare la capitale da Assab, l’ultimo porto sotto il controllo del governo, prendendo l’autostrada nord della città di Mille. Mentre altre forze tigre marciavano a sole 50 miglia a ovest della capitale, i ribelli eritrei hanno minacciato di sopraffare le truppe governative ad Asmara, la capitale eritrea.
Dawit Yohannes, un membro del consiglio supremo dei ribelli, ha detto in un’intervista telefonica da Washington che ha accolto con favore la partenza del Colonnello Mengistu, ma ha aggiunto che le dimissioni del Presidente non sono andate abbastanza lontano perché non hanno significato la fine del governo. Ha detto che i ribelli erano pronti a discutere per entrare in un governo di coalizione con i funzionari dell’attuale governo durante i colloqui di pace sponsorizzati dagli Stati Uniti e programmati per la prossima settimana a Londra. “Non abbiamo intenzione di attaccare la capitale”, ha aggiunto.
Ma i leader ribelli eritrei hanno affermato che si uniranno a un governo di coalizione solo se verrà fissato un referendum per la loro provincia per decidere sulla totale indipendenza. L’attuale governo ha rifiutato di prendere in considerazione qualsiasi condizione che possa minacciare l’unità dell’Etiopia. Kassa Kebede, capo della politica estera del Partito dei lavoratori etiope al governo, si è detto deluso dalla risposta della guerriglia. “Se le dimissioni del presidente non significano molto per loro, cosa accadrà?

Clifford Krauss
The New York Times

22 maggio 1991

Back To Top