skip to Main Content
Costa D’Avorio: Le Peregrinazioni Di Un Medico Algerino Nel Paese Di Mahou

Costa d’Avorio: le peregrinazioni di un medico algerino nel paese di Mahou

“Dove sei?” Il messaggio che Imene riceve sul suo smartphone il 23 gennaio 2020 avrà conseguenze che non avrebbe mai immaginato.
Un mese prima, la dottoressa Hadji lasciava il suo incarico di coordinatrice delle attività mediche dell’ufficio di Oran di Médecins du Monde (MDM).

 

A 28 anni, dopo due anni trascorsi in questa ONG molto impegnata in Algeria presso le persone migranti subsahariane, la giovane decide di andare a scoprire nuovi orizzonti.
“Volevo prendermi un anno sabbatico per esplorare il mondo, fare un po’ di formazione e iniziare un progetto. In realtà, ho esitato tra mille cose. Ma quello che volevo davvero fare era dedicare tre mesi al volontariato.
Era l’India che mi attirava di più, avevo un contatto serio sul posto e mi preparavo ad andarci», spiega Imene Hadji in un’intervista telefonica.
Life on Land
Il messaggio che Imene riceve all’inizio del 2020 proviene da Kader Bamba, un collega ivoriano che ha lavorato con lei a MDM in qualità di collegamento comunitario prima di raggiungere il suo paese.
«Ero sorpresa dal messaggio di Kader perché non lo sentivo da diversi mesi».
Gli propone di venire in Costa d’Avorio per aiutarlo ad avviare delle attività con Life on Land, un’associazione che ha fondato con un gruppo di amici per aiutare gli abitanti di Koonan, il villaggio dei suoi antenati situato nel paese Mahou, un popolo mandingo dell’Africa occidentale.
Life on Land opera in diversi settori: le problematiche legate alla salute delle donne, in particolare la salute riproduttiva, la cultura, l’educazione, fino all’agricoltura delle zone rurali. Attraversata dal fiume Bafing, la regione del Mahou è una delle principali zone di coltivazione degli anacardi, di cui la Costa d’Avorio è il primo produttore mondiale.
“Se la gente dei villaggi della mia zona sfruttasse le proprie energie per coltivare anche frutta e verdura, avrebbe cibo in abbondanza. Si stancano a coltivare qualcosa che non mangiano e che servirà come aperitivo per chi vive nei paesi ricchi”, dice Kader allo Sputnik.
Le azioni svolte attraverso Life on Land hanno lo scopo di contribuire a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile in ambiente rurale e ad evitare che i giovani intraprendano un viaggio migratorio particolarmente pericoloso.
“Conosco bene il processo perché ho avuto un’esperienza di migrazione che è durata circa otto anni. La tentazione di partire inizia nelle zone rurali perché è lì che la situazione di precarietà è la più grande.
I giovani delle zone rurali vanno nelle grandi città e si ritrovano ancora una volta di fronte alla precarietà.
È qui che matura il progetto di migrazione verso l’Europa, con un pericoloso viaggio per raggiungerla. Quindi dobbiamo agire alla fonte per sviluppare le opportunità locali”, insiste Kader.
Imene mette da parte il suo progetto indiano e “per un colpo di testa” cambia la sua destinazione. “Devo dire che faccio un sacco di cose per un colpo di testa”, dice ridendo.
Dopo due tentativi, riesce ad ottenere un visto di tre mesi dal consolato della Costa d’Avorio ad Algeri. Prende l’aereo il 26 febbraio, un volo notturno di Air Algérie che fa scalo a Dakar.
La giovane donna dice di essere rimasta colpita dalle luci di Abidjan. “Quando ho sorvolato la Costa d’Avorio, ho notato la mancanza di luce.
Era così buio che mi sembrava che non ci fosse vita la sotto. A un tratto ci siamo avvicinati ad Abidjan. Era impressionante vedere una città così grande con così tanta luce”.
A titolo di confronto, la capitale ivoriana è quasi nove volte più grande di Algeri per una popolazione quasi identica (rispettivamente 4,3 milioni e 3,9 milioni di abitanti).
Koonan
Non appena muove i primi passi sul suolo ivoriano, Imene prende coscienza della realtà del coronavirus.
“Ho lasciato il mio Paese il giorno in cui è stato ufficialmente annunciato il primo caso positivo in Algeria. All’aeroporto di Algeri non c’erano misure particolari.
Ad Abidjan, la consapevolezza era reale. [Il primo caso ivoriano non era ancora stato annunciato]
Alcuni agenti misuravano la temperatura dei passeggeri e chiedevano loro di strofinarsi le mani con gel idroalcolico.
La polizia ci ha anche fornito una scheda sanitaria dettagliata che abbiamo dovuto compilare», sottolinea.
Imene incontra il suo amico Kader fuori dall’aeroporto. Dopo due giorni ad Abidjan, prendono la strada a nord-ovest verso il confine con la Repubblica di Guinea. Koonan si trova a 750 chilometri da Abidjan, nella savana. In tutto sono dieci ore di strada, di cui un’ora in moto per andare da Touba, la città principale della regione, al villaggio di Kader.
Per Imene è il primo viaggio in un paese dell’Africa subsahariana, e si trova di fronte alle difficoltà che vivono le popolazioni di questa parte della Costa d’Avorio.
Arriva in un villaggio senza sbocco sul mare dove gli abitanti vivono con mezzi limitati. Per quanto riguarda la salute, c’è un solo centro in cui lavora un’ostetrica.
Il primo dottore è a ore di distanza. La giovane dottoranda algerina, specializzata in questioni di salute riproduttiva all’interno di MDM, inizia rapidamente un lavoro di osservazione all’interno di questo centro di salute.
Per il responsabile di Life on Land, il suo punto di vista come medico è importante per formulare raccomandazioni e suggerire modi per sviluppare un progetto dedicato alla salute delle donne.
La baraka dei Mahu
Ma le cose non vanno come i due amici avrebbero voluto. Il coronavirus sconvolge il programma di Imene e Kader.
Il 18 marzo le autorità ivoriane impongono misure severe per arginare la diffusione di Covid-19.
“Il governo aveva annunciato la proclamazione di un coprifuoco, il divieto di movimento in tutto il paese e la chiusura di tutti gli accessi alla capitale”, racconta Imene.
Consapevoli del pericolo rappresentato dalla malattia, decidono di congelare il programma delle attività dell’associazione. Imene confessa di essere stata doppiamente preoccupata:
“Il pericolo del coronavirus era diventato reale in Algeria e purtroppo ero lontano dai miei genitori. Non potevo aiutarli, specialmente mia madre, che soffre di una malattia cronica. Eravamo in contatto costante, ma non mi sentivo rassicurata.
Anche la mia situazione era preoccupante perché dovevo rimanere permanentemente in un villaggio senza infrastrutture sanitarie. Se il Covid-19 fosse arrivato a Koonan, ero convinta che sarebbe stata un ecatombe.
Capisce anche molto rapidamente che è l’unico medico disponibile in tutta la località. Imene decide di prendere in mano la situazione e si reca dal sindaco per dirgli che è essenziale adottare misure per proteggere la popolazione.
Dovevamo essere realistici mettere in pratica solo ciò che era possibile. Ho quindi consigliato di concentrare la nostra azione sull’igiene delle mani», ammette. Il sindaco la ascolta con attenzione.
Egli prende la decisione di lanciare una campagna di sensibilizzazione sui gesti barriera e anche di collocare taniche d’acqua e sapone negli spazi pubblici. Alla fine, per motivi che lei non conosce, non sarà fatto niente.
” Allora sono andata a trovare il capo del villaggio di Koonan. Anche lui si era impegnato a tenere una riunione per attuare misure per proteggere la popolazione. Mi sono trovata involontariamente nei panni del medico bianco.
Devo dire che ho tormentato tutti per due settimane. In più, le nozioni di distanziamento sociale erano impossibili da mettere in atto, mangiavamo tutti insieme a casa della stessa signora”, continua.
La baraka ha protetto alla fine i villaggi del popolo Mahou, come ha fatto in altre località dell’Africa subsahariana.
Questa situazione rimane un vero mistero per la touabou mousso, la ragazza bianca, come la chiamano gli abitanti del villaggio.
«Quando si vede l’evoluzione nel nord-ovest della Costa d’Avorio, ci si dice che c’è qualcosa di incredibile.
Complessivamente, ho sentito parlare di un solo caso di Covid-19 durante il mio periodo a Koonan”. Tuttavia, in 80 giorni di residenza forzata in questo piccolo villaggio, Imene avrà preso la malaria due volte…
Nel corso del mese di maggio, Kader riprende progressivamente le sue attività all’interno di Life on Land.
L’associazione ha potuto organizzare una serie di iniziative a beneficio dei bambini del villaggio.
Da parte sua, Imene ha continuato il suo lavoro di osservazione a fianco dell’ostetrica.
Si è anche dedicata, a distanza, ad attività di sostegno ai migranti subsahariani ad Orano.
Nessun aereo all’orizzonte
Il 20 maggio Imene e Kader tornano ad Abidjan. Scoprono una capitale dove le misure di contenimento sono state allentate.
Ma la giovane algerina deve risolvere al più presto due grandi preoccupazioni: prolungare il suo visto per non ritrovarsi nell’illegalità e cercare un modo per tornare in Algeria.
Per il visto si reca in una stazione di polizia e ottiene una proroga di tre mesi per la somma di 40.000 franchi CFA (60 euro).
«I poliziotti avevano insistito perché scegliessi la formula di un anno 80.000 franchi CFA. Ma ho rifiutato la loro offerta. Ho detto loro che avevo l’intenzione di tornare a casa abbastanza rapidamente e che dovevo anche risparmiare».
Per il ritorno in Algeria, le cose sembrano più complesse. Imene ha contattato l’ambasciata algerina ad Abidjan a metà marzo. I funzionari gli hanno spiegato che non c’erano voli di rimpatrio durante questo periodo.
“Un giorno una persona mi chiama per dirmi che è previsto un aereo per il 15 aprile. Il giorno dopo, mi manda un altro messaggio dicendomi che il volo è stato cancellato. Ero molto delusa, ero appena passata attraverso un ascensore emotivo. Poi un funzionario dell’ambasciata mi ha richiamato verso il 20 aprile per chiedermi di iscrivermi, via Internet, alla lista di rimpatrio. Da allora aspetto un aereo”, afferma Imene.
Riconosce comunque di essere installata in buone condizioni ad Abidjan. Dispone anche dei mezzi finanziari che le consentono di resistere ancora per qualche settimana.
Dice di non rimpiangere la sua scelta. “Se fossi partita per l’India, credo che la situazione sarebbe stata molto più complicata”, ride.
Desidera inoltre ringraziare il suo amico Kader per avergli permesso di «vivere momenti meravigliosi nel suo villaggio».
«Mi dispiace solo di non aver potuto comunicare con gli abitanti del villaggio perché non parlano francese. Ma questo soggiorno in Costa d’Avorio è stato anche una scoperta di me stessa perché sono rimasta sorpresa delle mie reazioni. Io che mi lamento sempre, non ho mai brontolato una sola volta».

Credits photo Suleiman Bamba

Back To Top