vai al contenuto principale

Clima, l’Unione africana dice basta a ingiustizie su costi cambiamento

Sulle conseguenze del cambiamento climatico “troppo spesso ci sono state delle promesse che non sono state mantenute e occorre necessariamente correggere questa ingiustizia”. Lo ha dichiarato Moussa Faki, presidente della Commissione dell’Unione AFRICAna, nella conferenza stampa con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “Le questioni della migrazione e la mobilita’ sono importanti e spesso sono il cuore delle relazioni tra l’AFRICA e l’Europa, il suo diretto vicino”, ha aggiunto Faki.
Intanto in Kenya, il governo è sempre più diviso sull’importazione mais Ogm.
Il caso sta provocando le prime divisioni all’interno del nuovo esecutivo keniano. Il Capo di Gabinetto, Musalia Mudavadi, si è unito ieri alle proteste di un folto gruppo parlamentare contro la decisione del ministro del Commercio e dell’Industria, Moses Kuria, di consentire l’importazione di prodotti geneticamente modificati nel Paese. “La questione dell’importazione di mais dovrebbe essere stabilita da un’indagine del ministero dell’Agricoltura per scoprire se c’è un deficit di cereali – ha detto ai media Mudavadi -, è il ministero dell’Agricoltura che emetterà un ordine di importazione dopo aver esaminato la situazione alimentare delle contee”. Kuria aveva annunciato due settimane fa che il governo avrebbe permesso l’importazione di 10 milioni di sacchi di mais Ogm in esenzione doganale per i prossimi sei mesi, scatenando le ire dei produttori locali e portando anche deputati della maggioranza a chiedere di rivedere la decisione. Il presidente William Ruto non si è ancora espresso sulla questione.

Torna su