vai al contenuto principale

Zimbabwe, ex leader dell’opposizione condannato in base a una legge non più esistente

Job Sikhala, ex leader dell’opposizione parlamentare dello Zimbabwe, è stato condannato a nove mesi con pesa sospesa e a una multa in base a una legge che non è più in vigore.

Sikhala era stato arrestato, insieme alla collega Fadzayi Mahere, l’11 gennaio 2021 e indagato per il reato di “pubblicazione o comunicazione di informazioni recanti pregiudizio nei confronti dello stato”.

Pochi giorni prima dell’arresto, Sikhala aveva pubblicato su Facebook un video nel quale si vedeva una donna con un neonato privo di vita in braccio discutere animatamente con un agente di polizia, accusato di averlo ucciso.

Aveva trascorso in carcere 595 giorni in attesa del processo. La condanna si è basata su una legge dichiarata nulla dalla Corte costituzionale nel 2014.

Fadzayi Madere era stata rimessa in libertà su cauzione, sette giorni dopo l’arresto. Processata, era stata condannata al pagamento di una multa.

Torna su