vai al contenuto principale

Nigeria, Benin City. Giornata mondiale contro la tratta di esseri umani, ancora troppe vittime

Sono ancora troppe le vittime della tratta di esseri umani nel corso del 2023.

Per commemorare la Giornata mondiale contro la tratta di esseri umani 2023, il Gruppo di risposta alla tratta di persone a livello federale Uromi Justice Development Peace and Caritas Initiatives UROMI-JDPCI, organizzazione cattolica senza scopo di lucro e umanitaria dell’ Edo State, ha organizzato un incontro di sensibilizzazione di tutta la comunità  e una campagna di sensibilizzazione pubblica sulla tratta di esseri umani per coinvolgere la popolazione sulla necessità di denunciare i casi di tratta di esseri umani alle autorità competenti.

Il direttore esecutivo dell’UROMI-JDPCI, il Rev.mo P. Dr. Alfred Arhedo, ha lanciato l’appello turbato dalla prevalenza di casi di tratta di esseri umani nelle comunità rurali, l’Iniziativa Uromi Giustizia Sviluppo Pace e Caritas (UROMI-JDPCI) ha chiesto l’istituzione di una Unità di risposta contro la tratta di esseri umani a livello di governo locale.

Il tema dell’edizione 2023 è stato “Raggiungere ogni vittima della tratta; non lasciare indietro nessuno“, mentre tra i partecipanti c’erano leader comunitari, giovani della comunità, rimpatriati, donne leader della comunità, agenti di sicurezza e il dipartimento di assistenza sociale del governo locale di Edo.

Mons. Arhedo ha chiesto una revisione legislativa della legge sulla proibizione della tratta di persone nello Stato di Edo per accogliere l’unità di risposta contro la tratta di esseri umani a livello di governo locale.
Ha fatto appello al Governatore dello Stato di Edo, Godwin Obaseki, affinché prenda in considerazione l’attivazione del Fondo fiduciario per le vittime della tratta e del suo comitato per la reintegrazione delle vittime.

Il direttore esecutivo dell’UROMI-JDPCI ha anche chiesto di attrezzare le forze dell’ordine per indagare e perseguire i casi di tratta di esseri umani, così come ha chiesto un controllo più efficace delle frontiere e dei processi di immigrazione per impedire ai trafficanti di sfruttare le popolazioni vulnerabili.

Purtroppo l’Unità Anti-traffico del Governo di Edo già negli anni passati aveva fallito con conseguente espulsione del suo dirigente.

L’associazione italiana Mater Africa per la Cooperazione Internazionale ha portato la propria presenza al corteo con le *Suore del Cosudow e la cooperativa Proxima di Ragusa.

 

Cosudow
La Conferenza delle Religiose della Nigeria (NCWR – Suore Cattoliche) è stata ‘toccata’ dallo sfruttamento di donne e ragazze nigeriane in Europa e in altre parti del mondo, intrappolate nella rete della tratta di esseri umani.. Hanno sentito il forte bisogno di lottare per liberare queste figlie dell’Africa dalle catene dei trafficanti, i nuovi padroni di schiavi. Per affrontare questa nuova forma di schiavitù, le Superiore Maggiori della NCWR, sotto la guida di Sr. Patricia Ebegbulem SSL, si sono recate in Europa per verificare di persona la situazione. Al loro ritorno, nel 1999 hanno istituito il Comitato per il sostegno della dignità della donna (COSUDOW) per combattere la tratta di esseri umani. L’ufficio si trova a Benin City, nello Stato di Edo, da dove proviene la maggior parte delle vittime della tratta in Nigeria. Dalla sua fondazione nel 1999, il COSUDOW è stato in prima linea nella lotta contro la tratta di esseri umani in Nigeria, proteggendo le vittime della tratta di esseri umani, prevenendo la tratta di esseri umani attraverso campagne di sensibilizzazione, perseguendo i trafficanti e reintegrando le vittime e i sopravvissuti a questo brutto mestiere. Inoltre, indaga sui casi di minaccia alla vita delle famiglie delle vittime che hanno deciso di abbandonare la prostituzione per una vita più dignitosa. (dal sito web del Cosudow)

 

Immagine di copertina ‘Corteo anti-trafficking a Benin City’ di Alberto Cicala

Torna su