skip to Main Content

Migranti, il nuovo appello di Papa Francesco: l’Unione europea si muova

“La vita va salvata, sempre,  ma l’Unione europea non può lasciare a Cipro, Grecia, Italia e Spagna la responsabilità di tutti i migranti che arrivano sulle spiagge”.
E’ questo il nuovo forte  appello di Papa Francesco sulla nuova emergenza che stanno vivendo i paesi del Mediterraneo dove approdano decine di imbarcazioni al giorno caro he di disperati in fuga da conflitto e fame.
“Sui migranti, – spiega il Pontefice – il principio è che vanno accolti, accompagnati, promossi e integrati. Ogni governo dell’Unione europea deve mettersi d’accordo su quanti ne può ricevere. Oggi il Mediterraneo è un cimitero, forse il piu’ grande del mondo. La politica dei migranti va concordata fra tutti i Paesi. E l’Unione europea deve fare una politica di collaborazione e aiuto. La politica dei governi finora e’ stata di salvare le vite, credo che questo governo abbia la stessa, non penso voglia altrimenti, non sarebbe umano, ho sentito che ha gia’ fatto sbarcare bambini, mamme, malati. Ma l’Italia, questo governo o un altro, non puo’ fare nulla senza l’accordo con l’Europa”.
“La responsabilità – continua – è europea. E poi, come ha detto Angela Merkel, il problema va risolto in Africa. L’ Europa deve cercare di fare piani di sviluppo. E’ una ipocrisia risolvere il problema dei migranti in Europa, andiamo a risolverlo a casa loro. Se vogliamo risolverlo definitivamente, risolviamo i problemi dell’Arica, aiutiamo l’Africa”.

Back To Top