skip to Main Content

Libia, il Governo di unità nazionale libico non deve legittimare milizie e gruppi armati

Un nuovo rapporto di Amnesty International sulla Libia, pubblicato il 6 agosto, accusa l’Agenzia per la sicurezza interna (Asi), una coalizione di potenti gruppi armati attivi nell’est del paese, di orribili violazioni dei diritti umani – tra cui arresti arbitrari, sparizioni e torture – per tacitare dissidenti e oppositori.
Mentre il parlamento libico sta esaminando la proposta di bilancio del 2021, che comprende fondi da assegnare a milizie e gruppi armati tra cui l’Asi, Amnesty International ha chiesto al Governo di unità nazionale (Gnu), in carica dal marzo 2021, di non premiare questi soggetti con legittimazione e stipendi.

Il bilancio presentato dallo Gnu al parlamento assegna 260 milioni di dinari libici (equivalenti a 48 milioni di euro) all’Asi e 2,5 miliardi di dinari libici (equivalenti a 475 milioni di euro) alle Forze armate arabe libiche (Faal) del generale Khalifa Haftar, oltre a somme minori per un totale di poco meno di 50 milioni di euro a ulteriori gruppi armati.

Dal 2014, quando le Faal del generale Haftar hanno preso il controllo dell’est della Libia, l’Asi ha rapito centinaia di persone. I rapimenti sono avvenuti in strada, in altri luoghi pubblici o nelle abitazioni, da parte di persone dotate di armi pesanti. Queste persone, tra cui anche donne e minorenni, sono state poi portate in centri di detenzione gestiti dall’Asi e lì trattenute per lunghi periodi di tempo, senza un’incriminazione formale e senza poter avere contatti col mondo esterno, in condizione dunque di sparizione forzata e alla mercé dei loro torturatori.

Le torture riferite dalle persone intervistate da Amnesty International comprendevano pestaggi coi calci dei fucili o con tubi dell’acqua, minacce di esecuzione, violenza sessuale e minacce di violenza contro i familiari, lavori forzati. Le condizioni detentive erano estreme: sovraffollamento, assenza di ventilazione, sporcizia e poco cibo.

Dopo anni di prigionia, centinaia di persone rapite dall’Asi sono state portate di fronte ai tribunali militari della Libia orientale mentre altre sono state rilasciate senza alcuna accusa dopo essere state costrette a promettere per iscritto che non avrebbero più criticato le Faal e i gruppi armati alleati.

Invece di incorporare nelle istituzioni dello stato gruppi armati sospettati di aver commesso crimini di diritto internazionale e cercare di assicurarsi la loro fedeltà garantendo loro sostegno economico, il Gun e gli altri attori che controllano il territorio libico farebbero meglio a chiedere a quei gruppi armati di rispondere del loro operato.

Back To Top