vai al contenuto principale

Etiopia, 4,5 milioni di sterline dal Regno Unito per sostenere pace in Tigray e inchiesta su crimini di guerra

Con una lettera indirizzata a lord David Alton, che aveva presentato una interrogazione parlamentare alla Camera dei lord, il ministro britannico per lo sviluppo e l’Africa Andrew Mitchell  ha definito le priorità e l’impegno del Regno Unito per la giustizia nel Tigray a seguito di quelle che lo stesso Mirchell definisce “spaventose violazioni e abusi diffusi dei diritti umani in Etiopia” .L’esponente di governo conferma che il Regno Unito continuerà anche a fornire sostegno alle vittime della violenza di genere.
Nella lettera il ministro Mitchell evidenzia come la Gran Bretagna abbia “accolto con favore la firma dell’accordo per la pace duratura attraverso la cessazione permanente delle ostilità a Pretoria nel novembre 2022” ricordando che questo accordo di pace ha concluso due anni di conflitto che hanno causato immense sofferenza al popolo del Tigray e ha creato l’opportunità per l’Etiopia di tornare alla crescita e allo sviluppo economico.
“Sono stato incoraggiato dai progressi compiuti nell’attuazione delle disposizioni dell’accordo di pace finora – ha proseguito Mitchell – La nostra ambasciata ad Addis Abeba sta incoraggiando il governo etiope e il
Fronte di liberazione del Tigray ad attuare pienamente tutte le disposizioni dell’accordo di pace e sostenere il processo di riconciliazione per essere inclusivi e creare le condizioni per la pace sostenibile”.
Il Regno Unito ha seguito con grande attenzione il conflitto etiope e il segretario agli esteri britannico nella sua visita in Etiopia nel dicembre 2022 ha assicurato al primo ministro Abiy che l’Etiopia poteva fare affidamento sul pieno sostegno del Regno Unito sul suo percorso verso il recupero e la riconciliazione.
“Ho visitato l’Etiopia nel marzo 2023 – prosegue Mirchell nella sua lettera di risposta a lord Aston –  e ho incontrato il vice primo ministro etiope Demeke e il ministro delle finanze Shide. Ho con loro discusso del sostegno del Regno Unito all’accordo di pace ma ho anche evidenziato quanto il Regno Unito sia stato sconvolto da segnalazioni di diffuse violazioni e abusi per i diritti umani da parte di tutti i lati del conflitto nell’Etiopia settentrionale”.
Quelle del ministro Mirchell non sono solo parole rimaste sterili na sono state concretizzate nella sponsorizzazione della  risoluzione del Consiglio per i diritti umani che ha istituito la Commissione internazionale degli esperti dei diritti umani per l’Etiopia per indagare sulle relazioni dei crimini a danno della popolazione civile e ha esortato tutte le parti in conflitto a cooperare con le sue indagini.
Il programma per i diritti umani e la costruzione della pace del Regno Unito sta fornendo un sostegno pari a 4,500 milioni di sterline per rafforzare sia la capacità investigativa della Commissione etiope per i diritti umani e migliorare la disponibilità e l’accessibilità dei servizi per i sopravvissuti alla violenza di genere.
Un impegno dunque concreto e diretto a supportare le vittime dei due anni di guerra nel Tigray.

Torna su