skip to Main Content

ChatGPT si sta accaparrando il “contract cheating” dei kenioti

Una bella storia di Martin Siele su Rest of world offre un ottimo punto di partenza per spiegare come la nuova generazione di software chiamata in breve “intelligenza generativa” stia cambiando la nostra vita quotidiana. Il punto di partenza è il ghostwriting, in particolare il ghostwriting scolastico.

Cos’è il contract cheating?

Nel gennaio 2023, riferisce Siele, la piattaforma di apprendimento online Study ha intervistato più di 1.000 studenti americani e oltre 100 educatori. Oltre l’89% degli studenti ha affermato di aver usato ChatGPT per ricevere aiuto con un compito a casa. Quasi la metà ha ammesso di impiegare ChatGPT per un test o un quiz a casa, il 53% lo ha usato per scrivere un saggio e il 22% lo ha usato per delinearne uno.

Sappiamo che il mondo industriale ha una lunga tradizione di delocalizzazione del lavoro manuale in aree dove il costo del lavoro è basso. Questo modello è attualmente in fase di revisione -non è né la prima né l’ultima volta che lo vedremo- per ragioni geopolitiche. Il reshoring delle fabbriche di silicio nell’industria dei chip è forse l’esempio più notevole, ma non l’unico.

Non si comprende che anche il lavoro intellettuale può essere subappaltato dove quel tipo di lavoro è meno costoso. Il caso di “truffa contrattuale” per i compiti scolastici e i progetti universitari sta avendo un impatto su molti liberi professionisti del Kenya. Questo paese dell’Africa orientale è un importante snodo per l’industria degli imbrogli a contratto, dove i liberi professionisti aiutano gli studenti americani degli Stati Uniti, ma anche della Tanzania e di altri paesi, a scrivere saggi e gestire i compiti in classe. Negli Stati Uniti, 17 Stati hanno vietato la frode contrattuale, ma questo non ha portato a nulla.

Negli ultimi nove anni, afferma Rest of World, gli scrittori freelance di quel paese hanno fatto soldi scrivendo incarichi. I guadagni mensili medi erano compresi tra 500 e 1.000 dollari USA al mese.

L’Online Labour Index (OLI) è un indicatore economico che misura la gig economy globale online. Secondo i dati riportati da Rest of World, il Kenya rappresenta l’1% della forza lavoro freelance online mondiale, secondo solo all’Egitto in Africa.

All’improvviso, ChatGPT ha preso vita. Ma cos’è ChatGPT?

 

Cos’è ChatGPT

ChatGPT è un sistema sintattico e parzialmente semantico che genera contenuti di vario tipo a partire da domande di tipo testo. L’innovazione è nella lunghezza del testo corretto che riesce a generare. Il Generative Pre-trained Transformer, in breve GPT, è stato lanciato in forma di chat da OpenAI il 2 novembre 2022.

Al momento esistono anche altri sistemi pubblici, di qualità inferiore a ChatGPT. Ma è solo questione di tempo prima che ci siano successivi avanzamenti.

I sistemi di generazione di contenuti complessi a partire da una descrizione di tipo testo esistono da tempo. Ne sono esempio i vari “co-pilot” aggiunti ai sistemi di sviluppo di software e di contenuti – ma non erano a disposizione del grande pubblico gratuitamente e sotto forma di chat. La nuova generazione è partita dalla generazione di immagini anche fotorealistiche di tipo testo. Queste immagini possono riguardare anche personaggi noti (mostriamo Merkel con Obama, Papa Francesco “vestito” dalla Kenzo, Warren Buffett come slumdog billionaire). La disponibilità di questi strumenti ha già creato turbative sul mercato delle illustrazioni e delle notizie.

Il settore della generazione di testo sta creando problemi anche maggiori. Non bisogna dimenticare che tutta la tecnologia attuale è controllata con software di vario tipo, e che il software è un tipo di linguaggio difficile per chi lo studia ma semplice per altri software.  Già esistono diversi tipi di aiuto alla compilazione (co-pilots) nel mondo del software, ma ChatGPT genera software abbastanza corretto di ogni tipo. Grazie all’accesso diretto al servizio (e non mediato dalla chat), può integrarsi con altri sistemi inizialmente non previsti (ad esempio lo sviluppo di manufatti in 3D).

Inoltre il motore GPT è disponibile in varie modalità: una chat free, una chat a pagamento, una avanzata versione playground, delle API software e dei plug-in commerciali (disponibili negli States). Inoltre alla chat, che funziona anche all’interno di un browser, possono essere aggiunti dei moduli esterni (plug-in) come estensioni del browser.

Questi software di AI si attivano con due fasi distinte. Inizialmente viene svolta una raccolta dati e questi vengono strutturati secondo regole che li rendano fruibili in un “modello”. Queste regole permettono al software di creare classificazioni impossibili all’essere umano e di trovare connessioni tra queste, in un processo ignoto al di fuori del software. Questa prima fase si chiama training, e consuma la corrente elettrica di una grande città.

Una volta allenato (trained), il “modello” può essere usato da qualsiasi utente.

Questi software riescono a scrivere testi lunghi e coerenti, e per questo fanno parte della categoria dei Large Language Models (LLMs). Finora i sistemi rilasciati sono stati di proprietà di una singola azienda, com’è per ChatGPT (OpenAI) e Bard (Google), e com’era stato per le immagini di Midjourney -e sta per espandersi ai video generati sa testo, come con Runway Gen-2. Successivamente, però, la comunità degli sviluppatori che creano software libero -open source- si è attivata. E’ quindi in arrivo M78, una intelligenza artificiale più potente di ChatGPT versione 4 ma ad uso libero.

 

Merkel_and_Obama

Julian AI Art

https://t.co/7Yqcfusk2H

 

Pope Francis Kenzo Edition

Vincos

https://twitter.com/vincos/status/1640094776643952643

 

Warren Buffett slumdog

Gokul Pillai

https://www.instagram.com/p/CqvxGHwyyf1/

 

Una volta era l’Asian Gold Farming

Questo fenomeno non è nuovo all’interno dell’industria digitale, ma tutto è partito dall’area dei giochi. World of Warcraft (WoW) e tutti gli altri giochi di ruolo online multigiocatore di massa (MMORPG) hanno attirato milioni di giocatori in tutto il mondo, incluso un sottogruppo unico noto come “Gold Farmers” asiatici, l’equivalente di “imbrogli a contratto”. Quei giocatori, per lo più dalla Cina, raccolgono risorse di gioco e le vendono ai giocatori occidentali. Questo articolo esamina l’ascesa dei coltivatori d’oro asiatici, il loro impatto sul gioco e le implicazioni economiche sia per i giocatori occidentali che per quelli asiatici.

Questo processo noto come “gold farming” è emerso nei primi anni 2000, con la crescente popolarità del gioco online. I giocatori asiatici hanno visto l’opportunità di guadagnarsi da vivere giocando a MMORPG e raccogliendo valuta e oggetti virtuali scambiabili, che poi vendono ai giocatori occidentali attraverso varie piattaforme come il trading in-game, i mercati online e i siti Web di terze parti, in cambio di reali soldi.

L’industria dell’allevamento dell’oro ha suscitato reazioni contrastanti da parte dei giocatori occidentali, con alcuni che ne apprezzano la convenienza, mentre altri la considerano ingiusta. Dal punto di vista economico, l’allevamento dell’oro fornisce reddito a migliaia di persone in Cina e ha portato a un mercato in crescita di beni e servizi virtuali in Occidente. È stato parzialmente interrotto in alcuni giochi online con una serie di modifiche sia tecniche che legali.

La copia e la responsabilità

In un mondo di social network dove le notizie vengono inoltrate senza essere lette, qualunque esse siano, non c’è da lamentarsi se l’attendente passa da umano sottopagato ad automatico. E’ dall’invenzione della memoria per computer e del taglia ed incolla che la copia digitale, gratuita ed immediata, gira per le case di tutti.

Cosa c’è di diverso da usare un browser con un motore di ricerca, trovare scritte e grafici altrui, farli tradurre a Google Translate ed incollarle a mano? Come sempre il problema non è nello strumento, ma nella mano dell’uomo.

Back To Top