skip to Main Content
Sahara Occidentale, Azione Legale In Nuova Zelanda Contro Importazioni Fosfat

Sahara occidentale, azione legale in Nuova Zelanda contro importazioni fosfat

Il Movimento di liberazione nazionale Sahrawi (Fronte del Polisario) ha avviato un’azione legale con l’intenzione di fermare le importazioni illegali di roccia fosfatica provenienti dal Sahara occidentale occupato in Nuova Zelanda. Il Fronte Polisario ha presentato domanda di revisione giudiziaria di determinate decisioni di investimento da parte dei Guardians of Superannuation Fund della Nuova Zelanda.
Il Fronte Polisario afferma che queste decisioni supportano l’attuale occupazione illegale del Marocco nel Sahara occidentale, nonché l’estrazione e l’esportazione illegale di fosfati del Sahara occidentale e sono incompatibili con l’obbligo legale da parte dei responsabili di gestire e amministrare il Fondo in modo coerente per evitare di nuocere alla reputazione della Nuova Zelanda in quanto membro responsabile della comunità mondiale.

La domanda di riesame giudiziario è stata presentata da Kamal Fadel, rappresentante del Polisario in Australia e Nuova Zelanda. “Il popolo saharawi è determinato a proteggere le proprie risorse naturali con tutti i mezzi disponibili. Questa azione legale è un messaggio per tutti coloro che sono coinvolti nello sfruttamento delle risorse naturali Sahrawi in modo che sappiano che dovranno fronteggiare azioni legali, rischi per la loro reputazione e ritiro degli investitori “, ha affermato Fadel.
Questa domanda fa seguito a un’azione legale di successo del Fronte Polisario all’estero, tra cui il sequestro di un carico di fosfato del Sahara occidentale nel 2017 che stava transitando attraverso il Sudafrica in rotta verso la Nuova Zelanda. In quel caso, l’Alta Corte del Sudafrica ha riscontrato che il governo Sahrawi era proprietario del carico e osservava che il Sahara occidentale era illegalmente occupato dal Marocco manu militari.
Il Sahara occidentale è stato sostanzialmente occupato dal Marocco dal 1975, quando la Spagna abbandonò la sua colonia nel Sahara spagnolo e permise al Marocco di assumere il controllo amministrativo della regione. Nessun paese riconosce al Marocco un legittimo potere amministrativo del Sahara occidentale e nel 1975 la Corte internazionale di giustizia ha riscontrato che il Marocco non aveva legami storici con il Sahara occidentale per i quali avrebbero potuto sostenere una pretesa di sovranità.
Oggi il Marocco occupa circa il 75% del Sahara occidentale e il Fronte Polisario controlla il resto del territorio. Il Fronte Polisario è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite come legittimo rappresentante del popolo Sahrawi del Sahara occidentale. Il Sahara occidentale è riconosciuto come territorio non autonomo dalle Nazioni Unite e, in base al diritto internazionale, il popolo Saharawi ha diritto all’autodeterminazione e alla sovranità sulle risorse naturali situate nel proprio territorio.
All’interno dell’area occupata marocchina del Sahara occidentale si trova una miniera di fosfato a Bou Craa. Durante l’occupazione marocchina, il fosfato è stato estratto a Bou Craa ed esportato attraverso il porto di Laâyoune (anche all’interno del territorio occupato) dalla società PhosBoucraa, di proprietà del governo marocchino.
L’estrazione e l’esportazione annuali di fosfati incoraggiano il Marocco a continuare la sua occupazione illegale nel Sahara occidentale e a dirigere un’economia come estensione diretta della sua occupazione territoriale. Inoltre diventa un pretesto per il Marocco a continuare a rimandare un referendum, sotto l’egida delle Nazioni Unite, che consentirebbe al Sahara occidentale di far valere la sua sovranità indipendente.
Nell’ultimo decennio, diverse società in tutto il mondo hanno cessato le importazioni di fosfato del Sahara occidentale sulla base di valutazioni etiche e paesi come Australia, Canada e Stati Uniti non importano più fosfato da questo territorio. Tuttavia, le società neozelandesi Ballance Agri-Nutrients Limited (Ballance) e Ravensdown Limited (Ravensdown) continuano ad acquistare e importare fosfato del Sahara occidentale e, a causa loro , la Nuova Zelanda è rimasta l’unico paese, nel mondo occidentale,a importare fosfato del Sahara occidentale.
The New Zealand Superannuation Fund è un veicolo di risparmio del governo neozelandese istituito per aiutare a prefinanziare il costo della pensione o pensione universale in Nuova Zelanda. Il suo valore stimato è di oltre $ 44,5 miliardi. Il Fondo è gestito e amministrato dai Guardians of the New Zealand Superannuation Fund, una Crown entity. I Guardiani del Fondo hanno l’obbligo statutario di gestire e amministrare il Fondo in modo da evitare di nuocere alla reputazione della Nuova Zelanda in quanto membro responsabile della comunità mondiale.
Il Fondo investe nel Sahara occidentale occupato in in aziende agricole che utilizzano fosfato Saharawi fornito da Ballance e ha interessi in società operanti nel territorio occupato. Dal 2012 gli omologhi internazionali dei Guardiani, tra cui il fondo pensioni del governo norvegese, National Employment Savings Trust (Regno Unito), APG (Paesi Bassi), AP Funds (Svezia), FDC (Lussemburgo) e BMO Global Asset Management, hanno escluso, per motivi etici, le società che estraggono risorse dal Sahara occidentale.
Il Fronte Polisario afferma che i continui investimenti del Fondo pregiudicano la reputazione della Nuova Zelanda come membro responsabile della comunità mondiale e sta avviando delle richieste ordini affinché i Guardiani riconsiderino gli investimenti del Fondo nel Sahara occidentale.

Intervista con il difensore del Sahara occidentale Tecber Ahmed Saleh con Green Left

Tecber Ahmed Saleh è un’importante sostenitrice dei diritti umani nel Sahara occidentale, nata in un campo profughi in Algeria, dove la sua famiglia vive da oltre 40 anni.

Back To Top