skip to Main Content
Zimbabwe, Non C’è Pace Per Le Tre Attiviste Che Avevano Protestato Durante Il Lockdown

Zimbabwe, non c’è pace per le tre attiviste che avevano protestato durante il lockdown

Torniamo a occuparci di Joana Mamombe, Cecelia Chimbiri e Netsai Marova, tre giovani attiviste zimbabweane del Movimento democratico per il cambiamento, formazione dell’opposizione politica.
Come si ricorderà il 13 maggio erano state arrestate a un posto di blocco, dopo aver preso parte a una protesta contro la mancanza di attenzione del governo per i poveri durante la pandemia da Covid-19.
Per molte ore se n’erano perse le tracce e si era temuto il peggio. Poi, erano state ritrovate sul ciglio di una strada, con segni di violenza sessuale e di altre forme di tortura.
Ora nei confronti di Joana, Cecelia e Netsai è scattata una duplice incriminazione: per aver partecipato a una manifestazione istigando a compiere atti di violenza e a a turbare l’ordine pubblico e per aver violato l’obbligo del confinamento.
Naturalmente, sulle torture che hanno subito non è stata avviata alcuna inchiesta.
Back To Top