Skip to content

RDC: riprendono gli scontri tra l’esercito e i ribelli dell’M23, 23000 sfollati in pochi giorni

Nel fine settimana scorso, nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo sono scoppiati dei violenti scontri tra l’esercito congolese (FARDC) e i ribelli del gruppo M23, interrompendo un periodo di relativa calma. Secondo le forze armate congolesi ci sarebbero quattro civili uccisi e 40 feriti, aggiungendo che i soldati regolari ora hanno “la situazione sotto controllo su tutti i fronti”.

I medici dell’ospedale di Rutshuru hanno confermato i quattro decessi, dicendo che tra venerdì e sabato ci sono stati almeno otto feriti, mentre il bollettino di domenica dell’ospedale Ntamugenga ha riferito di cinque soldati e un civile uccisi e 33 persone ferite.

Nel comunicato diffuso domenica 23 ottobre dalle FARDC è spiegato che gli scontri sono cominciati giovedì 20 ottobre lungo l’asse Rangira-Rwanguba-Tchengerero, nel territorio di Rutshuru (Nord Kivu). Diverse fonti sul campo, riferisce sempre l’esercito congolese, informano che la località di Ntamugenga, un obiettivo strategico vicino alla strada principale che porta al capoluogo di provincia Goma, è stata conquistata dall’M23; tuttavia, le FARDC sarebbero a 5 km dal posto e i combattimenti continuano senza sosta. Il comunicato dice anche che tra i feriti ci sarebbero dei bambini.

Altra conseguenza drammatica è quella degli sfollati. Secondo l’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), i civili che hanno lasciato le proprie abitazioni dalla ripresa dei combattimenti il 20 ottobre, tra le FARC e l’M23, sono almeno 23.000.

Secondo la stessa fonte, questa cifra include circa 2.500 persone che hanno attraversato la frontiera con l’Uganda: “OCHA e i suoi partner umanitari stanno monitorando da vicino la situazione dei civili. Questa ripresa delle ostilità minaccia l’accesso umanitario in alcune aree, in particolare a Ntamugenga e Kalengera”.

Secondo i dati delle Nazioni Unite, dal marzo 2022 questi scontri hanno provocato lo sfollamento di almeno 186.000 persone, portando il numero totale di sfollati nel territorio di Rutshuru a oltre 396.000.

Mercoledì scorso il Presidente congolese Félix Tshisekedi ha fatto visita a re Carlo III a Londra, al quale ha chiesto di “usare la sua influenza all’interno del Commonwealth e con il Rwanda per porre fine alle azioni di destabilizzazione nell’est della RDC e per promuovere la pace, la sicurezza e la stabilità nei Grandi Laghi dell’Africa”.

Sempre a Londra, parlando a un forum internazionale, Felix Tshisekedi ha ricordato che ci sono stati milioni di morti nell’est del Paese, dai tempi del genocidio rwandese del 1994, ripetendo che la situazione attuale è imputabile innanzitutto al Rwanda che, attraverso l’M23, destabilizzerebbe la regione.

Torna su