Skip to content

Nigeria, uomini armati assaltano un villaggio e rapiscono 160 persone, tra cui molti bambini

Un brutale attacco terroristico è avvenuto in un villaggio isolato della Nigeria centrale. Venerdì scorso, 24 maggio, un gruppo di circa 300 uomini armati, sospettati di essere affiliati a Boko Haram, ha scatenato un raid brutale nel villaggio di Kuchi. L’attacco è durato quasi per tutta la notte, dalle 17:30 di venerdì fino alle 4 del mattino di sabato. Purtroppo, almeno 10 persone sono state uccise, inclusi membri di un gruppo di autodifesa locale che hanno tentato di respingere gli aggressori. Particolarmente angosciante è il rapimento di massa di oltre 160 persone, tra cui anche bambini.

Ciò che rende l’attacco ancora più agghiacciante è il comportamento spietato dei rapitori. Un funzionario locale ha riferito che i circa 300 uomini armati si sono stabiliti nel villaggio per diverse ore, mostrando una spaventosa disinvoltura. Hanno addirittura acceso fuochi per tenersi al caldo, preparato tè e cucinato pasta e noodles istantanei, come se fossero a casa propria.

Amnesty International Nigeria ha comunicato che “è profondamente preoccupata” e che “l’invasione del villaggio da parte degli uomini armati è l’ennesima indicazione della totale incapacità delle autorità nigeriane di proteggere le vite umane“. Durante molte ore di furia, gli uomini armati hanno ucciso e sono passati di casa in casa, sottoponendo le famiglie a trattamenti inumani e degradanti: “Dal 2021, uomini armati attaccano costantemente il villaggio di Kuchi e violentano donne e ragazze“.

Questo attacco è purtroppo solo l’ultimo di una serie di violenze che hanno colpito l’area, dove spesso ci sono rapimenti a scopo di estorsione. Nonostante questo, le forze di sicurezza nigeriane non hanno ancora iniziato alcun intervento per salvare i rapiti.

Il rapimento di massa a Kuchi evidenzia la grave crisi di sicurezza che affligge la Nigeria da anni. Le forze dell’ordine nigeriane faticano a contenere i gruppi jihadisti e criminali che operano nel nord del paese. Questo attacco segue un altro episodio violento avvenuto due mesi fa, dove uomini armati, descritti come “banditi”, hanno ucciso 21 persone in un mercato di Rafi, un altro distretto dello stesso stato della Nigeria.

Nigeria, liberati gli studenti rapiti

 

Torna su