Skip to content

Nigeria, Gruppo Sahara esorta promozione energia sostenibile in Africa

In Nigeria il Gruppo Saharaleader consorzio molto importante nel settore dell’energia e delle infrastrutture con attività in oltre 38 paesi in Africa, Medio Oriente, Europa e Asia, esorta alla collaborazione e agli investimenti per promuovere l’energia sostenibile in Africa.

L’Africa ha bisogno di politiche energetiche favorevoli, di quadri normativi efficaci, di investimenti e di collaborazione per soddisfare il crescente fabbisogno energetico in tutto il continente, ha affermato Wale Ajibade, direttore esecutivo del Gruppo Sahara.

Rivolgendosi ai principali operatori energetici, alle autorità di regolamentazione e ai funzionari governativi in occasione della Settimana 2023 dell’Associazione africana dei raffinatori e distributori (ARDA) a Città del Capo, Ajibade ha affermato che l’attuale livello di investimenti globali nelle energie rinnovabili è inadeguato per consentire all’Africa di adottare un maggior numero di fonti energetiche alternative.

Ajibade, che ha presentato una relazione dal titolo “Soddisfare le crescenti esigenze energetiche dell’Africa nel panorama globale in evoluzione”, ha affermato che per i Paesi africani sono fondamentali politiche adeguate per rispondere alle preoccupazioni degli investitori stranieri e limitare i rischi di investimento.

“Negli ultimi due decenni, gli investimenti globali nelle energie rinnovabili sono cresciuti rapidamente. Tuttavia, meno del tre per cento di questi investimenti è destinato all’Africa. L’Africa continua a ricevere solo una piccola parte del totale degli investimenti globali nelle energie rinnovabili”, ha dichiarato.

Ha affermato che il continente deve lavorare insieme per trasformare i rischi intrinseci e le inefficienze del sistema in opportunità per incrementare la fornitura di energia da più fonti.

“Le nostre differenze individuali come Paesi all’interno di questo continente servono solo a rafforzare il tessuto delle nostre culture. Con la presenza sul campo in oltre 24 Paesi africani, noi del Gruppo Sahara sappiamo meglio di altri che ciò che funziona in un paese può non essere necessariamente funzionare nell’altro. Abbiamo sempre dovuto superare le nostre sfide e spingerci in avanti da soli e per noi stessi come africani”, ha detto.

Ha osservato che, nonostante la scarsità di investimenti, l’Africa può ancora impegnarsi per soddisfare il fabbisogno energetico del continente attraverso la collaborazione e dando priorità alla “narrativa africana per gli africani da parte degli africani”.

“L’Africa soddisferà il suo crescente fabbisogno energetico nel panorama globale in evoluzione, ma lo faremo alla maniera africana. Lo faremo attingendo alle collaborazioni e alle migliori pratiche commerciali, abbracciando le nostre diversità culturali ma sempre fermi nel progredire e nel dare vita all’energia in modo responsabile”, ha affermato.

Ha poi aggiunto che: “Con la graduale transizione verso le energie rinnovabili, le condizioni per l’energia solare in questo continente sono perfette così come il potenziale dell’energia eolica e in più l’Africa ha uno dei maggiori potenziali non sfruttati per lo sviluppo dell’energia idroelettrica”.

Ajibade ha osservato che alcuni Paesi del continente stanno già promuovendo diverse politiche e normative per incrementare la capacità delle energie rinnovabili in tutta l’Africa.

“Un esempio su tutti: l’energia solare: il potenziale fotovoltaico della Nigeria rende l’energia solare appetibile sia per gli investitori che per i consumatori. Il Gruppo Sahara sta attualmente sfruttando questo potenziale attraverso la realizzazione di progetti solari su larga scala e mini-grid”, ha dichiarato.

Per quanto riguarda la crescente importanza del gas come combustibile di transizione, Ajibade ha affermato che l’Africa sta già assistendo a notevoli progressi in questo senso.

“Un tempo era impensabile che un’azienda africana potesse ordinare e costruire le prime navi per GPL di proprietà africana e rifornire le controparti in Africa. Sono orgoglioso di dire che le navi di Sahara, ovvero MT Africa Gas, MT Sahara Gas, MT SAPET, solo per citarne alcune, hanno fornito gas all’interno del continente africano”, ha dichiarato.

Secondo Ajibade, per soddisfare il crescente fabbisogno energetico dell’Africa sarà necessaria una “giusta transizione” alimentata dallo sviluppo e dalla massimizzazione del potenziale della produzione africana di petrolio greggio in un “modo più sostenibile“.

“Il petrolio continuerà ad essere un’importante fonte di energia, ma deve essere più pulito per soddisfare gli standard globali. Dobbiamo garantire lo sviluppo sostenibile delle nostre risorse di idrocarburi, riducendo al contempo le emissioni di metano e il flaring (la svasatura) per raggiungere la sicurezza energetica e la sostenibilità allo stesso tempo”. L’aumento dell’uso della tecnologia CCUS rappresenta un’opportunità da sfruttare appieno per l’affidabilità, la sostenibilità ambientale e l’espansione del PIL africano. Se vogliamo costruire il nostro ‘Wakanda‘ (il Regno di Wakanda  è un luogo fittizio dei fumetti creato da Stan Lee (testi) e Jack Kirby (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics), dobbiamo farlo in modo responsabile”, ha dichiarato.

(fonte Eubaldus Enahoro – Mater Africa ngo Nigeria)

Torna su