skip to Main Content

Mozambico, bambini decapitati da gruppi ribelli. La denuncia di Save the children

Un orrore indicibile che si è abbattuto su decine di bambini nella provincia di Cabo Delgado in Mozambico: almeno 39 minori, di cui il più piccolo aveva solo 11 anni, sono stati decapitati da un gruppo ribelle. A denunciarlo Save the Children, organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro.
I volontari della ong parlando con alcune delle migliaia di famiglie di sfollati nel Paese hanno raccolto testimonianze di scene orribili di omicidi, di dolore e perdita di persone care. Tra queste c’è Elsa, una madre di 28 anni, che ha raccontato la decapitazione del figlio maggiore, Filipe, 12 anni, avvenuta vicino a dove si era nascosta con gli altri tre figli.
‘Quella notte il nostro villaggio è stato attaccato e le case sono state bruciate. Quando tutto è iniziato, ero a casa con i miei quattro figli. Abbiamo cercato di scappare nel bosco, ma hanno preso mio figlio maggiore e lo hanno decapitato. Non abbiamo potuto fare nulla perché saremmo stati uccisi anche noi ” ha detto ai cooperanti che la intervistavano.
A causa del conflitto in Mozambico, circa 670.000 persone sono state costrette a fuggire dalle loro case e sono ospitati in campi profughi a Cabo Delgado, Niassa e Nampula. Non meno di  2.600 persone sono morte nel conflitto dal 2017, compresi 1.312 civili.
La situazione si è gravemente deteriorata negli ultimi 12 mesi, con l’escalation degli attacchi ai villaggi.
Cabo Delgado sta ancora subendo gli effetti di shock climatici consecutivi, come il passaggio del ciclone Kenneth nel 2019, il più forte che abbia colpito la parte settentrionale del Mozambico, e le massicce inondazioni dell’inizio del 2020. Save the Children esprime profonda indignazione e tristezza alla notizia del coinvolgimento dei bambini, presi di mira in questo conflitto. Ribadisce che ogni bambino ha diritto alla vita, alla sicurezza e a essere protetto in tutte le circostanze, comprese guerre e conflitti armati. Per coloro che hanno assistito all’omicidio dei fratelli, la sofferenza potrebbe durare per anni. Molti sono a rischio di sviluppare attacchi d’ansia, depressione e mostrano segni di disturbo post-traumatico da stress (Ptsd). Amelia, 29 anni, ha cercato rifugio nella casa del fratello con i suoi tre figli. Il quarto aveva 11 anni quando è stato assassinato da uomini armati e le si è spezzato il cuore per non aver avuto la possibilità di dirgli addio o di dargli una sepoltura adeguata. ”Dopo che il mio bambino di 11 anni è stato ucciso – ha detto – abbiamo capito che non era più sicuro restare al villaggio. Siamo fuggiti a casa di mio padre in un altro villaggio, ma pochi giorni dopo sono iniziati anche lì gli attacchi. Io, mio padre e i bambini abbiamo trascorso cinque giorni mangiando banane verdi e bevendo acqua dall’albero di banane fino a quando non abbiamo ottenuto il passaggio che ci ha portato qui”.
”I resoconti di attacchi ai bambini ci feriscono nel profondo. Il nostro staff è scoppiato in lacrime nel sentire le storie di sofferenza raccontate dalle madri nei campi profughi. Questa violenza deve finire e le famiglie sfollate devono essere supportate mentre cercano di riprendersi dal trauma” ha dichiarato Chance Briggs, Direttore di Save the Children in Mozambico. ”Una delle nostre principali preoccupazioni è che i bisogni dei bambini sfollati e delle loro famiglie a Cabo Delgado superano di gran lunga le risorse disponibili per sostenerli. Quasi un milione di persone, compresi gli sfollati e le comunità ospitanti, soffrono la fame come conseguenza diretta di questo conflitto. Mentre il mondo era concentrato sul Covid-19 – spiega Briggs – la crisi di Cabo Delgado si è gonfiata ed è stata grossolanamente trascurata. Gli aiuti umanitari sono disperatamente necessari, ma non abbastanza donatori hanno dato la priorità all’assistenza per coloro che hanno perso tutto, anche i loro figli. È fondamentale che tutte le parti in conflitto garantiscano che i bambini non siano mai bersagli. Si deve rispettare il diritto internazionale dei diritti umani e il diritto internazionale umanitario e intraprendere tutte le azioni necessarie per ridurre al minimo i danni accidentali ai civili, inclusa la fine di attacchi indiscriminati e sproporzionati contro i bambini”. Save the Children sta rispondendo ai bisogni urgenti dei bambini sfollati e delle loro famiglie a causa dei conflitti e dei cicloni a Cabo Delgado. La risposta dell’Organizzazione ha raggiunto oltre 70.000 persone, inclusi oltre 50.000 bambini, con programmi di istruzione, protezione dei minori, salute (comprese le misure di contrasto al Covid-19), acqua e servizi igienico-sanitari.

Back To Top