Skip to content

Kenya-Tanzania, una disputa sugli elefanti del Parco Nazionale di Amboseli

Nelle praterie del parco nazionale di Amboseli, in Kenya, gli ambientalisti sono preoccupati per una nuova minaccia agli elefanti: la caccia ai trofei autorizzata in Tanzania, nazione confinante. I due Paesi gestiscono le loro popolazioni di elefanti in modo diametralmente opposto: il Kenya basa il suo modello turistico sulla fauna selvatica e vieta la caccia, mentre la Tanzania permette la caccia ai trofei con licenze, ricavandone un profitto.

Lo scorso settembre, un elefante keniota con zanne enormi è stato ucciso da cacciatori in Tanzania, a soli 23 chilometri dal confine. Questo evento ha rotto una moratoria non ufficiale sulla caccia vicino al confine, in vigore dal 1995. Altri due elefanti con zanne grandi sono stati uccisi di recente nella stessa area.

Le autorità keniane e gli ambientalisti chiedono alla Tanzania di ripristinare la moratoria e di rafforzarla con regole precise, vietando la caccia entro 40 chilometri dal confine keniota.

Il Kenya ricava ingenti guadagni dal turismo basato sui safari, e gli elefanti sono una delle principali attrazioni. La Tanzania, invece, considera la caccia ai trofei una fonte di guadagno per il governo e le comunità locali. Gli ambientalisti non chiedono il divieto di caccia in tutta la Tanzania, ma la protezione degli elefanti keniani che migrano attraverso il confine e che, con le loro zanne grandi, sono un patrimonio prezioso.

L’uccisione a settembre 2023 di un elefante con zanne da 50 kg ciascuna ha acceso i riflettori sulla questione. Questi elefanti, soprannominati “super-tuskers”, sono una rarità e la loro perdita è un duro colpo per la biodiversità e l’economia del Kenya.

La caccia ai trofei vicino al confine keniota minaccia la sopravvivenza degli elefanti e il futuro del turismo basato sulla fauna selvatica. La Tanzania dovrebbe trovare un equilibrio tra la caccia come fonte di guadagno e la protezione di una specie iconica e di vitale importanza per l’ecosistema e l’economia della regione.

Torna su