skip to Main Content

Egitto, condanne senza appello per Alaa Abdel Fattah, Mohamed el-Baqer e Mohamed “Oxygen”

Il 20 dicembre 2021 un tribunale d’emergenza egiziano ha emesso le condanne nei confronti di tre noti dissidenti e difensori dei diritti umani egiziani.
Alaa Abdel Fattah, scrittore e leader della rivoluzione del gennaio 2011, è stato condannato a cinque anni di carcere, il suo avvocato Mohamed el-Baqer e il blogger Mohamed “Oxygen” Ibrahim a quattro.
I tre imputati erano accusati di “diffusione di notizie false”: Alaa Abdel Fattah e Mohamed el-Baqer per aver criticato le autorità circa il trattamento dei detenuti e per alcuni decessi in custodia avvenuti in circostanze sospette; Mohamed “Oxygen” Ibrahim, invece, per aver denunciato sui social media il mancato rispetto dei diritti sociali ed economici da parte del governo.
I loro scritti non hanno in alcun modo incitato alla violenza e all’odio e avrebbero dovuto essere tutelati dalla costituzione egiziana e dagli obblighi internazionali in materia di libertà d’espressione.
Alaa Abdel Fattah era stato arrestato il 29 settembre 2019 così come Mohamed Baker, suo avvocato, proprio mentre si era recato a incontrare il suo cliente in un ufficio della procura. In occasione del loro trasferimento in carcere, nel mese di ottobre, Alaa Abdel Fattah era stato bendato, denudato, preso a calci e a pugni e, insieme a Mohamed Baker, sottoposto a insulti e minacce. La procura non ha disposto indagini.
Mohamed “Oxygen” Ibrahm era stato arrestato il 21 settembre 2019.
Il 19 novembre 2020 un tribunale del Cairo aveva arbitrariamente aggiunto Alaa Abdel Fattah e Mohamed Baker alla “lista dei terroristi” per cinque anni.
Oltre all’impossibilità di ricorrere in appello a un tribunale di grado superiore, le procedure dei tribunali d’emergenza non riconoscono i diritti a un periodo di tempo adeguato per preparare la difesa, a comunicare coi propri avvocati difensori e a un’udienza pubblica. Alaa Abdel Fattah e Mohamed Baker non hanno colloqui privati coi loro legali dal mese di maggio.

Back To Top