skip to Main Content

Covid 19, da Regione Lazio 10 mila vaccino per l’Africa

La Regione Lazio invierà 10mila vaccini in Africa. Ad annunciarlo, in udienza privata con Papa Francesco, il presidente Nicola Zingaretti.
Un prezioso contributo quello dell’ente a favore della vaccinazione Intel continente africano.
La donazione permetterà alla Comunità di Sant’Egidio, che si sta occupando della missione, di incrementare ulteriormente la campagna che sta portando avanti nel continente per la protezione delle popolazioni dalla pandemia da Covid-19 e che, nell’ultimo mese, si è sviluppata attraverso #COOPFORAFRICA insieme all’Unhcr, a Medici Senza Frontiere e alle cooperative dei consumatori.
“Da questa pandemia si esce solo insieme – commenta il presidente di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo – perché il virus non conosce confini e continuerà a rappresentare una minaccia finché i vaccini non saranno disponibili per tutti. È una misura fondamentale di equità e di diritto universale alla salute da attuare con urgenza”. Dall’inizio della pandemia, Sant’Egidio ha messo a disposizione della vaccinazione in Africa le capacità del programma Dream – che dal 2002 garantisce diagnostica e assistenza sanitaria gratuita a mezzo milione di malati di Aids, in 10 Paesi africani – avviando la somministrazione nei suoi centri e moltiplicando il suo impegno negli ultimi mesi a causa della diffusione della variante Omicron, partita dall’Africa australe”.
“L’incontro con Papa Francesco è stata anche Una bellissima occasione di riflessione sulla forza del suo messaggio del primo gennaio e un richiamo alle nostre responsabilità: impegni per il lavoro, l’istruzione, la sicurezza e la tutela dei diritti, per fornire le cure mediche e garantire il sostegno alle persone indigenti”.

Il Il tema dei vaccini per il paesi più poveri è la vera sfida per battere il COVID, significa accettare l’idea che la minaccia sanitaria si sconfigge solo affrontandola come genere umano e non dietro bandiere di comunità più ristrette.

Oggi il continente africano ospita il 17% della popolazione mondiale, ma sopporta oltre il 24% del carico globale di malattie, e solo il 3% del personale sanitario.
Questa situazione emergenziale come sempre va a colpire i più indifesi: 45 milioni di bambini africani stavano lottando contro la fame e la malnutrizione prima della pandemia, ma altri 9 milioni si sono aggiunti a questa cifra, a causa del COVID-19. La battaglia contro la pandemia va affrontata in maniera unitaria e solidale, è questa l’unica strada per voltare davvero pagina.

Back To Top