skip to Main Content

Burundi riforme democratiche che non ingannano nessuno

Burundi. Una crisi dimenticata iniziata nel lontano 1993 con il colpo di Stato attuato da dei ufficiali dell’esercito e l’assassinio del Presidente Melchiorre Ndadaye, in quanto sospettato di preparare un genocidio contro la minoranza tutsi. Purtroppo la sua morte non servì. Il genocidio scoppiò nel paese gemello: il Ruanda, mentre in Burundi scoppiò la guerra civile.

A causa di accordi di pace firmati nel 2000 a Arusha Tanzania (all’epoca salutati da Nelson Mandela, Stati Uniti e Comunità di Sant’Egidio come la soluzione ottimale) nel 2005 salì al potere uno tra i più sanguinari Signori della Guerra burundese, attore principale della guerra civile 1993 – 2004: Pierre Nkurunziza un insegnante di ginnastica nutrito da fanatico odio verso i tutsi e fervente promotore della ideologia di morte HutuPower che, in sintesi, prevede la creazione di uno stato monoetnico (Hutu) tramite l’eliminazione di tutti i tutsi, come fu tentato nel 1994 in Ruanda: 1 milione di morti.

Il suo regno del terrore durò fino alla sua morte, 8 giugno 2020. Gli ultimi cinque anni della sua dittatura furono segnati da una inaudita quanto primitiva repressione della popolazione che si opponeva al terzo mandato presidenziale del leader HutuPower e all’escalation dei crimini contro l’umanità contro la minoranza tutsi, i giornalisti, l’opposizione, la società civile. Dal 2015 fino alla sua morte Nkurunziza ritornò alle sue origini politiche, quando combatteva la guerra civile non affrontando l’esercito regolare ma trucidando la popolazione inerme nelle campagne.

È stato rimpiazzato da due militari estremisti HutuPower al fine di garantire la continuità del regime burundese che si ispira alla supremazia razziale. Il Generale Neva (conosciuto in Occidente con il suo nome di battesimo: Évariste Ndayishimiye) ex Segretario del partito razziale hutu: CNDD-FDD (Consiglio Nazionale per la Difesa della Democrazia-Forze per la Difesa della Democrazia) divenuto Presidente  e il Maresciallo Generale Alain Guillaume Bunyoni, ex capo della polizia e servizi segreti indagato presso la Corte Penale Internazionale per crimini contro l’umanità, divenuto Primo Ministro.

Tra i due Generali non corre buon sangue ma evitano di scannarsi tra di loro per mantenere in vita un regime razziale che gli apporta milioni di euro grazie ai traffici di oro dal Congo, mentre il popolo muore di fame. Questi due individui ora hanno indossato i panni della Democrazia. Vogliono far credere di essere seriamente intenzionati a concedere riforme, ad “umanizzare” il CNDD-FDD. Una manovra per riaprire i canali di finanziamenti della Unione Europea, chiusi nel 2016 a seguito dei crimini contro l’umanità commessi dal regime.

Quasi un anno dopo l’inaugurazione del presidente ÉvaristeNdayishimiye, (carica ottenuta con l’eliminazione fisica dell’opposizione durante la campagna elettorale e truffe durante il voto), le autorità hanno inviato segnali contraddittori. Hanno revocato alcune restrizioni imposte alla società civile e ai media dalla crisi politica del paese del 2015. Ma hanno anche raddoppiato le esecuzioni extragiudiziarie, le condanne e gli esili contro i difensori dei diritti umani e i giornalisti che sono percepiti come critici nei confronti del governo. Provocano continuamente il vicino Ruanda e sono entrati in totale simbiosi con il gruppo terroristico ruandese responsabile del genocidio 1994: Forze Democratiche di Liberazione del Ruanda – FDLR, che controlla ormai la vita politica, militare ed economica del Burundi, paese ridotto alla fame, completamente fallito.

Vari sono stati i rapporti che evidenziano questa falsa stagione di riforme democratiche. L’ultimo pubblicato 5 giorni fa dall’Associazione americana Human Rights Watch (Osservatorio dei Diritti Umani) di cui riportiamo un estratto per i lettori di Focus On Africa.

La versione completa in inglese è consultabile al link: https://www.hrw.org/news/2021/05/26/burundi-entrenched-repression-civil-society-media

Burundi. La repressione radicata della società civile e deimedia

“Il governo dovrebbe andare oltre i gesti simbolici di buona fede per affrontare il sistema di repressione radicato sotto il defunto presidente Pierre Nkurunziza”, ha detto Lewis Mudge, direttore dell’Africa centrale di Human Rights Watch. “Sono necessarie riforme sostanziali per affrontare la mancanza di indipendenza giudiziaria, procedimenti penali politicizzati e l’assenza di responsabilità per gli abusi commessi dal 2015”.

Nell’aprile 2021 Human Rights Watch ha intervistato 36 giornalisti burundesi, attivisti della società civile, lavoratori di organizzazioni non governative straniere, personale delle Nazioni Unite e diplomatici – che vivono sia all’interno che all’esterno del paese – sull’impatto delle riforme limitate di Ndayishimiye. Tutti hanno parlato a condizione di anonimato. Human Rights Watch ha anche esaminato leggi, documenti di processi, discorsi pubblici e post sui social media.

Durante il terzo e ultimo mandato di Nkurunziza, la società civile indipendente e i media sono stati incessantemente attaccati ei loro membri sono stati uccisi, scomparsi, imprigionati e minacciati. Decine di difensori dei diritti umani e giornalisti sono fuggiti dal paese. Molti rimangono oggi in esilio. C’è stata quasi totale impunità per questi crimini e le riforme introdotte da Ndayishmiye hanno avuto solo un impatto limitato sulla capacità dei giornalisti e della società civile di esprimersi liberamente.

Il programma di riforme di Ndayishimiye sembra progettato per migliorare l’immagine del Burundi e ripristinare i legami economici con la comunità internazionale. Tuttavia, dalla sua inaugurazione nel giugno 2020, sono continuate gravi violazioni dei diritti umani, comprese esecuzioni extragiudiziali, sparizioni forzate e arresti arbitrari, anche se in misura minore rispetto alle elezioni del 2020.

Documentare le violazioni dei diritti umani rimane difficile a causa dell’accesso limitato al paese per le organizzazioni internazionali per i diritti umani, i rischi per la sicurezza degli attivisti burundesi e il timore delle vittime e dei testimoni di ritorsioni da parte delle autorità. I presunti autori di abusi sono stati arrestati e perseguiti solo in pochi casi, sebbene i loro processi spesso mancassero di trasparenza.

Gli abusi nel sistema giudiziario sono stati illustrati nella condanna a inizio maggio di un ex membro del parlamento, Fabien Banciryanino, per accuse collegate alla sicurezzanazionale. È stato condannato a un anno di prigione e ad una multa di 100.000 franchi burundesi (51 dollari). Durante il processo, due fonti presenti hanno affermato che l’accusa aBanciryanino fu originata dalla tenuta di una conferenza stampa non autorizzata e dal rifiuto di cedere il suo titolo fondiario su richiesta di un amministratore locale iscritto al partito al potere.

Banciryanino è uno dei pochi membri dell’Assemblea Nazionale(corrispondente al nostro Parlamento NDT) che erano disposti a parlare contro le violazioni dei diritti umani nell’Assemblea Nazionale dominata dal partito al governo. Nel febbraio 2020 ha votato contro una legge che conferisce a Nkurunziza lo status ufficiale di “Guida suprema del patriottismo”, ha denunciato i “numerosi omicidi politici e ha chiesto che Nkurunziza fosse perseguito. Fu arrestato subito dopo.

Alla fine di marzo, prima del processo farsa, Banciryanino ha scritto una lettera al direttore della prigione di Mpimba, dove è detenuto, copiando la Commissione Nazionale Indipendente per i Diritti Umani del Burundi, descrivendo gli abusi, comprese le estorsioni da parte dei funzionari della prigione  contro di lui ealtri prigionieri. Queste accuse confermano i modelli documentati da Human Rights Watch nella prigione di Mpimba. Successivamente è stato posto in una piccola cella di isolamento per quattro giorni come punizione.

Il 5 marzo un decreto presidenziale ha annunciato la grazia o il rilascio anticipato di oltre 5.000 prigionieri. Circa la metà è stata rilasciata, in quello che potrebbe essere un passo significativo per alleviare il grave sovraffollamento carcerario. Il decreto haperò escluso molti prigionieri in custodia cautelare o accusati di reati legati alla sicurezza, molti dei quali sono stati arrestati all’indomani delle proteste del 2015 per il tentativo dell’expresidente di accedere ad un terzo mandato e sono detenuti per motivi politici.

Durante il rilascio di un gruppo di prigionieri dalla prigione Mpimba di Bujumbura, il Presidente Ndayishimiye ha ribadito il suo impegno a porre fine all’impunità e rafforzare la magistratura, ma ha falsamente affermato che il Burundi non ha prigionieri politici. Nestor Nibitanga, un difensore dei diritti umani arrestato nel novembre 2017 e condannato per accuse di sicurezza, dopo aver subito una lunga detenzione arbitraria e altre gravi violazioni del giusto processo, è stato graziato e rilasciato il 27 aprile, ma altri rimangono in prigione.

Sebbene il governo di Ndayishmiye abbia revocato alcune restrizioni, inclusa la sospensione dell’organizzazione anti-corruzione PARCEM (Parole et Action pour le Réveil desConsciences et l’Évolution des Mentalités) e una stazione radio locale, Bonesha FM, le autorità continuano a esercitare indebite interferenze e supervisione sul lavoro della società civile e dei media.

Il governo continua a utilizzare due leggi che disciplinano il lavoro delle organizzazioni non governative nazionali e straniere e la legge sui media del 2018 per controllare le attività. Giornalisti e membri del personale di organizzazioni nazionali e internazionali hanno riferito di aver dovuto chiedere il permesso alle autorità provinciali e locali per svolgere il proprio lavoro. Hanno anche descritto minacce e difficoltà che impediscono loro di lavorare sui diritti umani o su questioni relative alla sicurezza. I media internazionali sono ancora limitati e le operazioni della British Broadcasting Corporation (BBC) e della Voice of America (VOA) in Burundi rimangono sotto un ordine di sospensione.

La pubblicazione del 2 febbraio 2021 del verdetto di colpevolezza della Corte suprema del Burundi – datato 23 giugno 2020 – nel caso contro 34 persone accusate di aver partecipato a un tentativo di colpo di stato del maggio 2015, inclusi i 12 difensori dei diritti umani e giornalisti in esilio, ha messo in luce i limiti dell’attuale programma di riforme del governo.

Dopo un processo, durante il quale gli imputati erano assenti e non avevano una rappresentanza legale (violando anche i più elementari principi del giusto processo), il gruppo è stato riconosciuto colpevole di “attacchi all’autorità dello Stato”, “omicidi” e “distruzione”. Tutti condannati all’ergastolo in contumacia.

Il verdetto di colpevolezza della Corte Suprema contro 12 difensori dei diritti umani e giornalisti in esilio sottolinea la continua repressione del governo contro il dissenso. Sono stati condannati all’ergastolo e al pagamento di multe per oltre 5,5 miliardi di franchi burundesi (2,8 milioni di dollari) in danni punitivi ai ministeri della Difesa e della Pubblica Sicurezza, il partito al governo del CNDD-FDD e Rema FM, una stazione radio del partito al governo. La Corte Suprema aveva ordinato il sequestro dei beni degli imputati esiliati nel maggio 2019.

Il 24 marzo 2021, Radio Publique Africaine (RPA), Radio-Télévision Renaissance e Radio Inzamba, tre organi di informazione burundesi indipendenti che operano da Kigali, in Ruanda, da quando i loro leader e molti dei loro giornalisti sono stati costretti all’esilio in Ruanda, si sono visti sospendere le loro trasmissioni dalle autorità ruandesi sospese le loro trasmissioni. Le autorità hanno detto ai media che non potevano più operare nel paese a causa di una richiesta del governo burundese. RPA e Radio Inzamba hanno ripreso le operazioni ad aprile dopo che i loro direttori hanno lasciato il Ruanda. Radio-TélévisionRenaissance ha annunciato ha ripreso le trasmissioni il 24 maggio.

Il 14 maggio Human Rights Watch ha scritto ai ministri degli Affari esteri e della giustizia del Burundi e alla Commissione Nazionale Indipendente per i Diritti Umani (controllata dal regime NDT) condividendo i risultati del ultimo rapporto sulla violazione dei diritti umani e chiedendo informazioni sulle misure intraprese per affrontare gli abusi documentati in questo rapporto. Human Rights Watch non ha ricevuto alcuna risposta.

La Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sul Burundi, istituita nel settembre 2016 e sostenuta dall’Unione Europea (UE), è l’unico meccanismo investigativo internazionale rimasto operativo in Burundi, sebbene senza accesso al paese. Ogni anno dalla sua creazione, la commissione ha documentato gravi violazioni dei diritti umani, che in alcuni casi possono equivalere a crimini contro l’umanità. Durante il suo aggiornamento del marzo 2021, la Commissione ha affermato che i partner del Burundi dovrebbero utilizzare fattori concreti e oggettivi per valutare i progressi del governo burundese nell’affrontare la drammatica situazione dei diritti umani.

L’8 dicembre 2020, l’UE e il governo del Burundi hanno aperto un dialogo politico volto a sviluppare una “tabella di marcia” per le riforme, poiché il governo fa pressioni sull’UE per revocare la sospensione del 2016 del sostegno diretto al bilancio. Il governo deve ancora soddisfare molti dei parametri di riferimento fissati dall’UE nel 2016, compresi quelli relativi ai media e alla società civile.

Il dialogo in corso tra l’UE e il governo del Burundi dovrebbe fissare obiettivi chiari per ripristinare lo spazio per la libertà di riunione, associazione ed espressione. L’UE non dovrebbe accettare gesti simbolici e promesse di cambiamento a scapito della responsabilità e senza affrontare le cause profonde della crisi dei diritti umani nel paese.

Nonostante la mancanza di progressi sostanziali, il 27 aprile il Consiglio per la pace e la sicurezza dell’Unione Africana ha concluso la sua missione di osservatore dei diritti umani e ha chiesto la revoca di tutte le sanzioni internazionali contro il Burundi, e a dicembre il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha concluso i suoi briefing specifici sul Burundi.

Gli alti funzionari del governo continuano a lanciare avvertimenti contro attivisti e giornalisti in esilio che si ritiene lavorino “contro gli interessi del paese”. I procedimenti giudiziari contro i difensori dei diritti umani indicano l’intolleranza del governo verso le voci esplicite e critiche e i tentativi di manipolare il sistema giudiziario per cercare di screditare e ostacolare importanti lavori sui diritti umani.

Riforme frammentarie dei media

Il 28 gennaio, l’impegno pubblico di Ndayishimiye per una stampa libera e “responsabile” (cioè allineata alla propaganda del regime NDT), ha portato a un incontro il 1 ° febbraio, il primo, tra alcuni capi dei media e il Consiglio Nazionale per la Comunicazione (CNC). I suoi membri sono nominati dal presidente ed è responsabile della supervisione dei media e della consulenza al governo sulle comunicazioni. Il giorno dopo l’incontro, è stato pubblicato il verdetto della Corte Suprema che annunciava la condanna di diversi importanti giornalisti in esilio.

L’11 febbraio, il CNC ha revocato il divieto di commenti pubblici sul sito web di Iwacu, che è online dall’aprile 2018, e si è impegnato a ripristinare l’accesso al sito web in Burundi. Iwacuè l’ultimo quotidiano indipendente rimasto in Burundi ed è molto letto. Tuttavia è ancora inaccessibile in Burundi.

Tuttavia, per molti giornalisti, questi accordi, che stabiliscono che le stazioni radio devono fornire informazioni “equilibrate” e non devono trasmettere informazioni che potrebbero minacciare la sicurezza dello Stato o la “moralità” hanno l’obiettivo di imbavagliare la libera stampa, impedendo ai media indipendentidi documentare violazioni dei diritti umani o problemi di sicurezza.

Questi obblighi trovano eco nella legge sulla stampa del 2018 e nei commenti fatti sia pubblicamente che privatamente dal presidente e da altri funzionari governativi. Inoltre, i giornalisti che lavorano per le stazioni radio che sono state attaccate fisicamente e vandalizzate nel maggio 2015 hanno affermato di aver faticato a operare a causa della mancanza di attrezzature.

La maggior parte dei giornalisti intervistati ha affermato di ritenere che il governo di Ndayishimiye fosse meno ostile ai media rispetto alla precedente amministrazione, a condizione che non riferissero su argomenti sensibili o critici.

Il controllo e la supervisione dei rapporti sui media rimangono pervasivi. Un direttore della radio in Burundi ha detto: “Possiamo trasmettere informazioni sui corpi trovati o sulle persone torturate, ma solo con il permesso delle autorità. A volte ci chiamano per dirci quando vogliono che trasmettiamo informazioni. Non possiamo fare indagini indipendenti … Non possiamo commettere errori, altrimenti [loro] ci accuseranno di servire altri interessi “.

I giornalisti hanno anche espresso preoccupazione per l’autocensura e il clima di paura prevalente all’interno dei media, aggravato dall’ingiusta condanna di quattro giornalisti che lavoravano per Iwacu nel 2020, anche se sono stati graziati e rilasciati il ​​24 dicembre 2020. Fu loro concesso il perdono ma non l’assoluzione alla falsa condanna politicamente motivata dicomplicità in un tentativo di minare la sicurezza interna dello Stato, per la quale hanno ricevuto una condanna a due anni e mezzo di reclusione e pagato una multa di un milione di franchi burundesi (510 dollari) .

I giornalisti intervistati hanno affermato che la condanna e la scomparsa irrisolta di un altro giornalista di Iwacu, Jean Bigirimana, nel luglio 2016 hanno avuto un effetto agghiacciante duraturo sui giornalisti che rimangono in Burundi. Un giornalista esperto ha detto: “Con l’incarcerazione dei giornalisti di Iwacu, il messaggio era che i giornalisti non sono i benvenuti ovunque si svolgano gli eventi, specialmente quando questi sono legati alla sicurezza”. Un altro ha detto: “I giornalisti hanno paura di uscire a riferire su argomenti di sicurezza”.

Società civile sotto stretta sorveglianza

Nel gennaio 2017, il governo ha emanato due nuove leggi che consentono un maggiore controllo sulle attività e le risorse delle organizzazioni burundesi e straniere. Queste leggi limitano la libertà di espressione, associazione e riunione e forniscono nuovi e ampi poteri al governo per il controllo dell’integruppi nazionali e reprimere le voci critiche. Queste due leggi sono ancora in vigore. \

Il 25 marzo 2021, il ministro dell’Interno, dello sviluppo della comunità e della sicurezza pubblica, Gervais Ndirakobuca, ha organizzato un incontro a Bugarama, nella provincia di Muramvya, con i rappresentanti dei gruppi locali sul tema del “ruolo delle ONG nello sviluppo della comunità”. Due membri della Società Civile presenti all’incontro hanno detto che il ministro degli interni ha messo in guardia le organizzazioni dal lavorare per attuare una cosiddetta “agenda estera sovversiva” in Burundi.

Gli attivisti delle organizzazioni intervistate ritengono che il loro ambiente di lavoro rimane strettamente controllato. Gli intervistati che lavorano in tutto il paese hanno affermato che l’obbligo della legge delle ONG di informare le autorità locali e provinciali delle loro attività ha avuto un effetto deterrente sul loro lavoro

Gli intervistati hanno affermato di evitare deliberatamente di essere critici per mantenere la loro capacità di lavorare: “La nostra strategia è concentrarsi meno sull’evidenziazione dei problemi e più sul fornire soluzioni … Se viene fatto qualcosa di positivo, dobbiamo menzionarlo”, ha detto il direttore di un umano burundese organizzazione per i diritti umani in Burundi. Quando i funzionari del regime dicono alla società civile e ai media di “contribuire” positivamente allo sviluppo o alla sicurezza del paese, stanno tracciando una linea chiara sulla sabbia.

Back To Top