Skip to content

Africa-Australia, Google annuncia un cavo diretto di connessione digitale

Google ha annunciato un nuovo cavo sottomarino, denominato “Umoja”, che rappresenta un’infrastruttura cruciale per l’Africa, collegando il continente all’Australia e migliorando significativamente la connettività digitale. Questo si traduce in un accesso più rapido e affidabile a internet per cittadini, imprese e istituzioni, con benefici concreti per lo sviluppo economico, l’accesso ai servizi, l’innovazione digitale.

Come ha scritto Thomas Kurian, amministratore delegato di Google Cloud, “Siamo orgogliosi di annunciare Umoja, la prima rotta in fibra ottica che collega direttamente l’Africa con l’Australia. Umoja si unirà al cavo Equiano e alla nostra regione Google Cloud a Johannesburg, come parte di un’iniziativa incentrata sull’abilitazione di una connettività più affidabile“.

Ci sarà una maggiore facilità di comunicazione e scambio di informazioni, stimolando la crescita del commercio online, l’attrazione di investimenti stranieri e la creazione di nuove opportunità di lavoro. Ma ci sarà anche un miglioramento dell’erogazione di servizi online da parte di governi e aziende, come l’istruzione a distanza, la telemedicina e l’e-government, con un impatto positivo sulla qualità della vita delle persone. Inoltre, si prevede un aumento delle possibilità di sviluppare e implementare soluzioni digitali innovative in settori chiave come l’agricoltura, la finanza e la produzione, favorendo la competitività dell’Africa a livello globale.

**Sicurezza informatica rafforzata:** la collaborazione tra Google Cloud e il Kenya mira a elevare gli standard di sicurezza informatica nella regione, contrastando le crescenti minacce cibernetiche e proteggendo i dati sensibili di cittadini e aziende. L’implementazione di soluzioni avanzate come CyberShield garantirà una maggiore resilienza delle infrastrutture digitali africane alle intrusioni informatiche.

La linea del cavo Umoja, ancorata in Kenya, attraverserà Uganda, Rwanda, RDCongo, Zambia, Zimbabwe e Sudafrica, prima di attraversare l’Oceano Indiano verso l’Australia.

L’impegno di Google per l’Africa si estende oltre le infrastrutture, includendo il sostegno a iniziative di formazione e sviluppo di competenze digitali. Programmi come la Google Hustle Academy e i centri di ricerca AI in Ghana e Kenya puntano a creare una forza lavoro digitale qualificata, a stimolare l’innovazione locale e a ridurre il divario digitale.

È fondamentale preparare gli africani ai lavori del futuro, dotandoli delle competenze necessarie per sfruttare al meglio le opportunità offerte dall’economia digitale, così come promuovere lo sviluppo di soluzioni tecnologiche adatte alle esigenze specifiche del continente, favorendo la crescita di un ecosistema imprenditoriale digitale dinamico e innovativo. In questo modo, sarà possibile garantire che tutti, indipendentemente dalla loro ubicazione o condizione socioeconomica, abbiano accesso alle tecnologie digitali e possano beneficiare dei loro vantaggi.

Gli investimenti di Google in Africa non si limitano al breve termine, ma mirano a generare un impatto duraturo sulla trasformazione digitale del continente. L’obiettivo è quello di creare un’economia digitale inclusiva, sicura e prospera, in grado di migliorare la vita di tutti gli africani. Ad esempio, in Kenya la collaborazione tra Google e Jacaranda Health ha portato a un miglioramento dei risultati sulla salute materna grazie a un accesso ampliato agli ultrasuoni. Questo dimostra il potenziale concreto delle tecnologie digitali per affrontare le sfide africane in settori cruciali come la salute, l’istruzione e l’agricoltura.

Le iniziative di Google sono chiaramente all’interno dell’economia di mercato, dunque hanno come obiettivo finale il profitto, eppure rappresentano anche un passo decisivo verso un futuro digitale più luminoso per l’Africa. Con una connettività migliorata, una sicurezza informatica rafforzata e un ecosistema di innovazione in crescita, il continente è pronto a cogliere le opportunità offerte dalla Quarta Rivoluzione Industriale e a costruire un futuro migliore per tutti i suoi cittadini.

Torna su