skip to Main Content
Sahara Occidentale: Ritorno A Un Punto Morto Dopo La Speranza Di Una Soluzione Del Conflitto

Sahara occidentale: ritorno a un punto morto dopo la speranza di una soluzione del conflitto

Il 2019 doveva essere l’anno  della  speranza per il popolo sahrawi di risolvere il conflitto più lungo dell’Africa “Western Sahara”. Dopo un’intensa mediazione che ha riacceso la speranza di pace nel Sahara occidentale, il processo di insediamento delle Nazioni Unite è stato bloccato nel 2019 dalla partenza di Horst Kohler, inviato personale del Segretario generale delle Nazioni Unite, la cui posizione è ancora vacante.

Kohler, ex presidente tedesco, ha deciso a maggio di ritirarsi dal suo ruolo di inviato delle Nazioni Unite per il Sahara occidentale dopo venti mesi di mediazione che lo hanno visto dare nuova vita al processo di risoluzione del conflitto nel Sahara occidentale.

Le sue dimissioni erano giustificate da problemi di salute,  ma anche il doppio gioco del Marocco ha sicuramente rafforzato la sua convinzione di rinunciare alla sua missione di mediazione. Con la sua partenza, il conflitto nel Sahara occidentale avrà consumato quattro mediatori dopo i due americani James Baker e Christopher Ross e l’olandese Peter Van Walssun.

Con la sua posizione di blocco, il Marocco non ha dimostrato di essere cooperativo, respingendo le misure di rafforzamento della fiducia su cui l’inviato dell’ONU ha insistito, in particolare quelle relative al “sminamento e alla ripresa delle visite tra le famiglie saharawi”.

Per il Fronte Polisario, l’inflessibilità manifestata dagli occupanti marocchini durante queste discussioni “frantuma ogni possibilità di ripristinare la fiducia e avanzare domande essenziali”.

La delusione è stata pari alla  speranza del popolo saharawi che aveva creduto che finalmente l’autodeterminazione fosse  a portata di mano,  dopo vent’anni di promesse non mantenute.

Il doppio fallimento delle Nazioni Unite e del Consiglio di sicurezza

Mentre l’assenza di un inviato personale ha paralizzato il processo di pace, le Nazioni Unite sono state invitate più volte a preservare lo slancio di Ginevra,  consentendo al popolo saharawi di esercitare il loro diritto inalienabile all’autodeterminazione, l’unico modo per raggiungere una soluzione pacifica e duratura nell’ultima colonia in Africa.

Va da sé che il ritardo nella nomina di un nuovo inviato per il Sahara occidentale è stato esacerbato dalle condizioni preliminari imposte dal Marocco.

Di fatto, le Nazioni Unite e il suo organo supremo, il Consiglio di sicurezza, hanno perso nel 2019 l’opportunità di evitare il blocco del processo politico e di consentire alla missione delle Nazioni Unite di organizzare il referendum nel Sahara Occidental (MINURSO) per compiere la missione per cui è stato creato.

In ottobre, un Consiglio di sicurezza diviso ha adottato una risoluzione squilibrata che ha inferto un duro colpo allo slancio politico che aveva subito per 18 mesi.

Il testo che estende il mandato di MINURSO di un anno si è rotto con la pratica in vigore per più di due anni, in base alla quale il mandato di MINURSO è stato rinnovato su base semestrale.

La risoluzione presentata dagli Stati Uniti, ma segnata soprattutto dall’impronta della Francia, è stata criticata da diversi membri del Consiglio di sicurezza per “la sua formulazione favorevole al Marocco”.

Sud Africa, Russia e Cina hanno lamentato tentativi di confondere i parametri per la risoluzione dei conflitti concordati nelle precedenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza.

Il riferimento alle nozioni di “realismo” e “compromesso” in detta risoluzione è stato un tentativo di minare alcuni principi, incluso il diritto all’autodeterminazione del popolo saharawi, che, tuttavia, è stato sancito dall’Assemblea generale e dalle pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza.

Di fronte al blocco,la lotta continua

A settembre, l’SG delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha rimosso ogni ambiguità sulla natura del conflitto nel Sahara occidentale, ribadendo, in un rapporto presentato all’Assemblea Generale, che gli organi delle Nazioni Unite trattano questo fascicolo come una questione di decolonizzazione.

Allo stesso tempo, il Fronte Polisario, che continua a chiedere la fine di questa situazione di stallo, ha dichiarato che “non sarà mai coinvolto in qualunque  processo che non rispetti il diritto del popolo saharawi all’autodeterminazione”.

La dichiarazione è stata ribadita dal suo segretario generale, Brahim Ghali, anche presidente della Repubblica Araba Saharawi (SADR), dopo il 15 ° Congresso del Fronte Polisario, tenutosi nei territori saharawi liberati in Tifariti dal 19 al 25 dicembre.

Il Congresso è stato un’occasione per ricordare la continuazione della lotta del popolo saharawi e il decisivo contributo che l’Unione Africana (UA) potrebbe dare alla liberazione dei territori occupati.

Allo stesso tempo, la forte presenza di delegazioni straniere a questo congresso riflette lo slancio della solidarietà internazionale per la causa saharawi, espressa in precedenza in occasione della 44a conferenza europea a sostegno del popolo sahrawi (EUCOCO), tenutasi a novembre. a Victoria-Gastiez in Spagna, con l’ambizione di dare un contributo  allo sforzo di progresso verso una soluzione pacifica e di costituire “una pietra miliare nel processo di pace”.

Sulla stessa scia, l’anno 2019 è stato caratterizzato da una maggiore mobilitazione di ONG e difensori dei diritti umani in tutto il mondo per impedire il saccheggio delle risorse naturali nel Sahara occidentale che, inoltre, continua senza il consenso del suo popolo, legittimo proprietario del territorio.

Back To Top